Podio di Vettel a Baku: acrobazia di un giorno o rimonta?

Acclamato da tutto il mondo della F1 dopo il secondo posto a Baku, Vettel sembra aver trovato un livello migliore in casa Aston Martin. A meno che non sia legato ad altri elementi...

pubblicato 13/06/2021 à 10:08

Quentin DUBOIS

0 Visualizza commenti)

Podio di Vettel a Baku: acrobazia di un giorno o rimonta?

Vettel è tornato in azione? / © Foto Antonin Vincent / DPPI

A Baku non c'era un vincitore sul podio ma tre. Tra questi, un quattro volte campione del mondo: Sebastian Vettel. Lui che tanto criticato dal 2018 e dalla sua uscita dalla pista di Hockenheim. Lui che non era più voluto da Binotto e Ferrari. Lui che ha vissuto un 2020 al limite dell'accettabile tra i rossi, e l'avvio della collaborazione con Aston Martin delicato.
Il pilota tedesco è stato acclamato a Baku, come se avesse appena vinto la gara. E per una buona ragione: Vettel ha regalato all'Aston Martin il suo primo podio Harley Knucklehead 1. Ma ancor di più, nel paddock avevamo ritrovato il tempo di una gara del pilota che tanto ci aveva stupito in passato. Alonso, Leclerc, Raikkönen, Ricciardo, Mick Schumacher tra gli altri, è venuto a trovarlo al suo arrivo per salutarlo e congratularsi con lui. Un segno di rispetto che significa molto. Per Helmut Marko non ci sono domande, è tornato il grande Vettel: "È stato il Vettel che conosciamo, il modo in cui è salito sul podio, ma soprattutto nelle sue manovre di sorpasso, ma anche nelle sue battaglie con Gasly e il primo turno. Sono davvero felice che questo cambiamento sia avvenuto abbastanza rapidamente e spero che sarà così anche per le altre gare. E' il numero uno della squadra Passeggiare. "
 

Statistiche sconcertanti a Baku

Vettel a Baku, è partita! Chi indossa il numero 5 manda nel panico le statistiche in Azerbaigian. In effetti, non è mai andato peggio del 4° posto dall'introduzione di questa gara nel 2016. Nello stesso anno finì 2° dietro a Rosberg in una gara senza molto interesse, mentre Baku si correva sotto il nome di Grand Prix d'Europa. L'anno successivo, nonostante la sconfitta contro Hamilton in Safety Car, allora suo rivale per il titolo, finì 4° dietro Ricciardo, Bottas e passeggiare. Nel 2018, quando era sul punto di vincere il Gran Premio dopo una brillante pole position il giorno prima, ha mancato la prima curva durante la ripartenza e ha fallito nuovamente al 1° posto. Finalmente nel 4 ha approfittato dell'errore di Charles Leclerc in Q2 risulta essere il migliore tra i piloti Ferrari e sale sul 3° gradino del podio. In totale, Vettel avrà segnato 75 punti su 150 possibili in Azerbaigian. È molto più di Lewis Hamilton (63 punti). Segno che il pilota tedesco è sistematicamente efficiente quando mette le ruote sulle strade di Baku.
 

L'effetto Vettel in Aston Martin?

Secondo le dichiarazioni dei membri del team Aston Martin, il nativo di Heppenheim apporta il suo tocco, soprattutto durante il debriefing. In prima linea, Otmar Szafnauer, direttore della squadra:  “Sebastian ha portato il nostro modo di fare le cose a un nuovo livello. Lance non è un debuttante, è con noi da un po', ma c'è una buona dinamica tra Lance e Sebastian. Sebastian ha più esperienza e il modo in cui facciamo i debriefing è cambiato un po'... non solo Lance ma l'intero team lo ha adottato. Era sempre più a suo agio con la macchina, anche prima di Monaco. Siamo tutti migliorati un po' nel nostro processo, nel modo in cui affrontiamo il fine settimana. Stiamo tutti imparando, anche Lance, e insieme faremo avanzare la squadra. » Proprio come alla Ferrari, Vettel è ora il leader della squadra. Per quanto ? Perché sappiamo che, affinché Sebastian possa esibirsi, deve avere la squadra alle sue spalle. Non c'è dubbio che le scene di giubilo al traguardo del Gran Premio dell'Azerbaigian creeranno un forte legame tra lui e la sua squadra, come con la Scuderia nel 2015 dopo la vittoria al Gran Premio della Malesia.
 

Vettel e i “suoi circuiti”

Anche nelle stagioni in cui è meno bravo, Vettel riesce a ben figurare sui “suoi circuiti”. Baku è l'esempio più eclatante, ma altri circuiti illustrano questo effetto. Consideriamo Singapore, un altro circuito urbano. Dall'introduzione di questo circuito nel 2008, Vettel è il pilota che ha percorso più chilometri da testa sul circuito di Marina Bay: 1 km contro 277 km di Hamilton e "soli" 1 km di Alonso, terzo in questa esercitazione. In totale sono 262 vittorie, di cui una nel 472 con una Ferrari non ancora del tutto al livello delle Mercedes e uno nel 2019, attualmente l'ultimo della Ferrari. Ma sono anche belle le qualifiche come nel 2015 o nel 2017, anche se il resto lo sappiamo... Anche il Giappone (8 podi) e il Canada (6 podi) entrano nella cerchia dei circuiti dove Vettel si esibisce ad altro livello. Al contrario, la Francia non ha mai veramente sorriso al pilota tedesco. 5° nel 2018 dopo uno scontro con Bottas in partenza, ha concluso al 5° posto anche nel 2019 senza mai trovare ritmo al Paul Ricard. L'arrivo della F1 a Castellet sarà un indicatore del livello di prestazione di Vettel.

 

 

Quando si tratta di risurrezione, dobbiamo mettere le cose in prospettiva. La F1 esce da due circuiti urbani atipici con scenari che solo questi circuiti possono riservarci. Vettel si è sempre comportato bene su queste due piste, anche nelle stagioni in cui non è stato all'altezza delle aspettative. 
In ogni caso, qualche risposta la avremo nel prossimo Gran Premio, su un circuito più convenzionale. Quindi vedremo al Paul Ricard se avremo ritrovato il grande Vettel o se Baku fosse solo una gita di un giorno.

0 Visualizza commenti)