La Williams ha lavorato per "risolvere i suoi problemi" in vista del Gran Premio dell'Arabia Saudita

In vista del Gran Premio dell'Arabia Saudita, Williams afferma di aver lavorato per risolvere i problemi che lo hanno ostacolato in Bahrein.

pubblicato 07/03/2024 à 09:00

scrittura

0 Visualizza commenti)

La Williams ha lavorato per "risolvere i suoi problemi" in vista del Gran Premio dell'Arabia Saudita

Logan Sargeant ha avuto problemi elettronici al volante in Bahrein.

Dopo un fine settimana misto in Bahrein, segnato da un 15° posto per Alexander Albon e un 20 per Logan Sergeant, Williams spera di fare meglio per il Gran Premio dell'Arabia Saudita. Rallentato durante la gara dal surriscaldamento del motore e da un guasto elettronico al volante del pilota americano, il team ha lavorato questa settimana per risolvere i suoi problemi.

“Abbiamo avuto alcuni problemi la scorsa settimana in Bahrein, inclusi problemi con il propulsore e con il raffreddamento del volano. Abbiamo approfittato dei pochi giorni che precedono la gara di Jeddah per risolvere questi problemi e ci avviciniamo a questa gara con maggiore fiducia con la FW46”, assicura Dave Robson, direttore delle performance.

Logan Sargeant lo spiega nonostante « I problemi " si sono incontrati in Bahrein: « Ci sono punti positivi fin dall’inizio della gara su cui possiamo basarci per il secondo round”.

La Williams si aspetta un centrocampo molto compatto

Alla vigilia delle prove libere, la squadra si aspetta una gara estremamente combattuta, dove ogni decimo conterà.

“Sarà interessante vedere come si evolverà il centrocampo mentre ci dirigiamo verso una sfida molto diversa qui in Arabia Saudita. Il circuito di Jeddah è veloce e pone domande molto diverse ai piloti e alle vetture rispetto al circuito di Sakhir. Pirelli porta la metà della sua gamma di pneumatici, che è un altro grande cambiamento rispetto alla settimana scorsa, sottolinea anche Dave Robson. È probabile che vedremo tutte le squadre ridurre i livelli di resistenza aerodinamica, il che potrebbe cambiare l'ordine di metà gruppo il giorno della gara. »

Dalla parte dei piloti si sente la voglia di fare meglio. Il leader della squadra Alex Albon è frustrato « una prima gara deludente », è soddisfatto “per tornare all’attività e impegnarsi questa settimana”. “Jedda è una pista divertente, dove è tutta una questione di confidenza con la velocità. Sarà interessante andare su un altro circuito e vedere come si comporta la FW46. Speriamo di poter prendere le lezioni dal Bahrein e metterle a frutto questo fine settimana nella lotta per la metà del gruppo”, continua il tailandese.

“Secondo la mia esperienza, Jeddah è uno dei circuiti cittadini, se non il più veloce del calendario, con diverse curve veloci e poco margine di errore. La battaglia al centro del gruppo sembra destinata ad essere serrata dopo la prima gara, con pochissima differenza tra le squadre. Abbiamo una grande opportunità per riprenderci immediatamente e ottenere un risultato positivo”, dichiara Logan Sargeant, che spera di imporsi nella sua seconda stagione in F1.

LEGGI ANCHE > Max Verstappen alla Mercedes, tra fantasia e realtà

Kelmann Marti

0 Visualizza commenti)