Diversi piloti difendono la virtual safety car

Diversi piloti hanno difeso la virtual safety car dopo l'errore di Daniel Ricciardo intrappolato in una ripartenza nel GP degli Stati Uniti ad Austin.

pubblicato 30/10/2015 à 16:23

Dupuis

0 Visualizza commenti)

Diversi piloti difendono la virtual safety car

I piloti presenti in conferenza stampa nel paddock del GP del Messico, sul circuito Hermanos Rodriguez, hanno tutti difeso la presenza della virtual safety car in gara. Successivamente i concorrenti sono stati interrogati sulla pratica di questa regola Daniel Ricciardo è rimasto intrappolato alla ripartenza della gara ad Austin (Texas) il 25 ottobre essendo stato superato da Nico Rosberg che aveva accelerato in precedenza.

“Non penso che sia un grosso problema.”e commenti Fernando Alonso. “So che è stato un po' strano ad Austin perché ne abbiamo avuti tantissimi e siamo stati sempre in gruppo. Dobbiamo discuterne con il direttore di gara (FIA, Charlie Whiting) per trovare alcuni suggerimenti se necessario, ma è lo stesso per tutti. Devi essere concentrato e all'erta. »

"Penso che funzioni abbastanza bene.", ha detto Will Stevens. “ Se una situazione non richiede l'ingresso della safety car, normalmente ciò dovrebbe mantenere le cose come sono... In Russia (a Sochi, l'11 ottobre), le vetture in fondo al gruppo si sono raggruppate quando è entrata la safety car virtuale all'inizio dell'evento. Il sistema dovrebbe ancora essere in grado di migliorare. »

Lewis Hamilton, Pastore Maldonado, Sergio Pérez e Carlos Sainz Jr ha espresso parere favorevole anche sull'implementazione della virtual safety car.

0 Visualizza commenti)

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

0 Commenti)

Scrivi una recensione