Pirelli, pressioni contrastanti

Il produttore italiano ha rivelato che i guasti degli pneumatici a Baku sono stati causati da pressioni inferiori al previsto. Pur rifiutandosi di dare la colpa ad Aston Martin e Red Bull.

pubblicato 18/06/2021 à 11:27

Julien BILLIOTTE

0 Visualizza commenti)

Pirelli, pressioni contrastanti

L'officina di assemblaggio Pirelli durante un Gran Premio di Formula 1 / © DPPI

Un piccolo equilibrio quello che Mario Isola ha dovuto compiere giovedì sera in vista del Gran Premio di Francia. Nel corso di un'eccezionale conferenza stampa virtuale dove si è respirato il profumo di un'aula di tribunale, il responsabile gare Pirelli ha parlato a lungo degli incidenti che hanno funestato l'ultimo incontro. F1 in Azerbaigian. 

Isola sapeva che era attesa. C'è da dire che le prime spiegazioni da parte del produttore italiano in merito al " crepe circonferenziali sul lato interno » pneumatico posteriore sinistro Lance Stroll et Max Verstappen non aveva chiarito tutte le zone grigie. 

Anche se Pirelli avesse provato a chiarirloAston Martin et Red Bull aveva rispettato le istruzioni e i parametri di utilizzo delle proprie gomme, l’azienda milanese aveva attribuito le rotture a “ condizioni di guida » del pneumatico. Un'espressione vaga che ha aperto la porta a diverse interpretazioni.

Alcuni hanno interpretato questo come un'insinuazione sui metodi presumibilmente utilizzati da alcune squadre, sospettate a malincuore di giocare con la pressione e la temperatura delle gomme per migliorare le prestazioni. 

Red Bull e Aston Martin hanno reagito subito sottolineando di aver agito secondo le istruzioni impartite da Pirelli. Isola non ha detto il contrario spiegando che il famoso “ condizioni di guida » riscontrati a Baku differivano dalle previsioni. 

« Quando forniamo le impostazioni di utilizzo (pressione minima in partenza, campanatura in rettilineo e temperatura massima delle termocoperte, ndr) ci basiamo su calcoli volti a determinare le condizioni ottimali di funzionamento del pneumatico, ha spiegato il manager transalpino. Lo stesso vale per le altre parti del auto – motore, freni, ecc. 

Questi parametri richiedono controlli prima di utilizzare gli pneumatici ma non possiamo controllare le condizioni di guida. Si scopre che a Baku la realtà sul campo era diversa dalle previsioni. Questo spazio ha provocato questo taglio circonferenziale sulla spalla interna del pneumatico.

Quando uno pneumatico è sottoposto a molta energia e si trova a un livello di pressione inferiore al previsto, si verifica un fenomeno che chiamiamo onde stazionarie.

La spalla del pneumatico si ritrova ad assorbire forze molto importanti e può finire per cedere, come è avvenuto a Baku '.

Isola ha ribadito che le squadre non hanno infranto il regolamento poiché non esiste una pressione minima da rispettare quando la vettura è in pista. Le soglie fissate dal costruttore transalpino valgono solo in partenza.

Il manager italiano, però, ha riconosciuto che le squadre avevano “ probabilmente ho trovato il modo di utilizzare le gomme in modo inaspettato » pur rimanendo entro le regole, il che non sorprende in un ambiente ultra competitivo come la F1. 

« Non sono qui per salire sul treno di un senatore, immaginò Isola. Ma sappiamo che se abbassi un po’ la pressione, guadagni in prestazioni. '.

Sorgono due grandi domande: possiamo accettare che uno pneumatico si rompa, con le drammatiche conseguenze che un simile incidente può avere, per una differenza di solo pochi psi? Quindi, se c'è il minimo rischio di rottura a causa di una pressione troppo bassa, come possiamo immaginare che le squadre correrebbero il rischio di mettere in pericolo i propri piloti per guadagnare prestazioni?

  • Possibili ulteriori frodi nel 2022?

Il direttore di gara della Pirelli ha anche riconosciuto che l'azienda milanese non disponeva ancora dei mezzi per controllare i parametri di utilizzo del pneumatico – pressione di esercizio stabilizzata, carico, velocità e campanatura – quando l'auto è in movimento. 

I team hanno sicuramente i propri sensori, ma il loro fornitore di pneumatici non vuole fare affidamento sui dati provenienti da attrezzature che non sono le loro. Questa situazione cambierà il prossimo anno con l'introduzione dei telai da 18 pollici, che saranno accompagnati dall'installazione di un sensore approvato da Pirelli. 

« L'anno prossimo avremo un sensore standard che sarà montato sulle vetture e controllato dalla FIA, ha ricordato Isola. Potremo quindi controllare la pressione di guida stabilizzata. 

Per il momento ogni squadra utilizza sensori diversi e questi dispositivi non sono sotto la nostra supervisione quindi ci è impossibile misurare la pressione di corsa stabilizzata. 

Avremmo dovuto poterlo fare nel 2021 ma la pandemia ha rimandato tutto di un anno: gomme da 18 pollici, sensori di serie e cerchi unici '.

Nel frattempo, il produttore di pneumatici si affiderà alla direttiva tecnica inviata dalla FIA lunedì scorso, che dettaglia i nuovi controlli che entreranno in vigore questo fine settimana in occasione del Gran Premio di Francia, in particolare le misurazioni della pressione dopo l'uso (a freddo o dopo riscaldamento del pneumatico). 

Pirelli ha inoltre aumentato la pressione minima del pneumatico posteriore per il Circuit Paul Ricard, da 19,5 psi a 21,5 psi.

Molti conducenti hanno ribadito che la sicurezza rimane la priorità numero 1 quando si tratta di pneumatici, ma Sebastian Vettel (Aston Martin) ha inoltre confidato di non essere convinto al 100% dell'integrità dei prodotti a sua disposizione.

In questa vicenda, tanto tecnica quanto politica, riteniamo che tutti pesino le proprie parole con la massima cautela per evitare un conflitto aperto che offuscherebbe l'immagine dei diversi stakeholder, a cominciare da quella del fornitore unico. 

Julien BILLIOTTE

Vicedirettore capo di AUTOhebdo. La piuma si intinse nel fiele.

0 Visualizza commenti)