Kaltenborn: le scuderie non devono dettare regole

Monisha Kaltenborn, Team Principal del Sauber F1 Team, ha parlato della situazione del suo team e della F1 nel numero 2028 di AUTOhebdo.

pubblicato 10/09/2015 à 16:49

Dupuis

0 Visualizza commenti)

Kaltenborn: le scuderie non devono dettare regole

La Sauber è, con la Force India, la squadra che dà voce alle grandi strutture. Sono ancora così sordi?

Non è quest'ultimo che vogliamo farci sentire ma il detentore dei diritti commerciali del F1, la FIA e i tifosi… Non siamo piattaforme commerciali come potrebbe essere Red Bull chi deve vendere le proprie lattine o Mercedes le sue auto. Dobbiamo garantire che le nostre preoccupazioni non solo siano ascoltate, ma comprese...

È ancora ingenuo sperare in qualcosa di buono da parte del famoso Gruppo Strategico per porre rimedio ai problemi?

Giudico dall'esterno perché la Sauber non ne fa parte e, probabilmente come te, vedo che si tratta solo di dettagli. I veri problemi non vengono affrontati. No, non vedo niente di buono in arrivo. E sì, sarebbe ingenuo sperare che possa essere altrimenti.

I membri più ingenui della FIA non credevano che la F1 potesse gestirsi da sola?

Non mi permetterei mai di parlare in questo modo dei nostri legislatori. L'unica cosa che posso dire è che speravo di più, e spero ancora di più, dai nostri legislatori perché abbiamo bisogno di una federazione forte... Cambiamo il sistema sanzionatorio? Stiamo cambiando il formato del fine settimana? Tutte queste cose e molte altre non sono di competenza delle scuderie….

Scopri l'intervista completa con Monisha Kaltenborn nel numero 2028 di AUTOhebdo ora disponibile disponibile digitalmente su tutte le piattaforme e in edicola.

0 Visualizza commenti)

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

0 Commenti)

Scrivi una recensione