1812 km dal Qatar – Tripletta Porsche, crepacuore per Peugeot

Dominando con autorità i 1812 km del Qatar, la Porsche 963 numero 6 della Penske Motorsport apre il record della casa tedesca nella categoria Hypercar del WEC. La Peugeot 9X8 #93 era seconda prima di essere buttata giù dal podio a causa di un problema tecnico al penultimo giro!

pubblicato 02/03/2024 à 19:06

Julien BILLIOTTE

1 Visualizza commenti)

1812 km dal Qatar – Tripletta Porsche, crepacuore per Peugeot

Dopo la vittoria a Daytona, Porsche continua il suo impeccabile inizio di stagione Endurance. / ©DPPI

  • Mentre la notte avvolgeva da diverse ore il circuito internazionale di Losail, un nuovo giorno è sorto nel motomondialeResistenza FIA.
  • Un LMDh si è finalmente affermato WEC con la vittoria senza colpo ferire per la Porsche 963 n. 6 della Penske Motorsport (Kevin Estre-André Lotterer-Laurens Vanthoor).
  • Tuttavia, era la vettura gemella, la numero 5 (Michael Christensen-Matt Campbell-Frédéric Makowiecki) a partire in pole 10 ore prima.
  • Sopraffatto dal Ferrari 499P n°50 al via, la Porsche n°5 è poi scivolata dietro a Peugeot Molto vivace il 9X8 n°93 (Mikkel Jensen-Jean-Eric Vergne-Nico Mueller), che ha condotto per diversi giri.
  • Il numero 6 ha preso il comando fin dalla seconda ora di gara e non ha mai mollato i comandi fino alla bandiera a scacchi.
  • La #9 8X93, alla sua ultima apparizione ufficiale senza alettone posteriore, ha resistito fino alla fine per cercare di ottenere il miglior risultato per le Leonesse dal loro ritorno ai massimi livelli delle gare di endurance mondiali. Ancora seconda a due giri dalla fine, la #93 è stata colpita da un problema tecnico mentre Vergne ha tenuto egregiamente a bada due Porsche alle sue spalle. Quanto possono essere crudeli gli sport motoristici! La n.93 si classifica infine 7°. L'auto gemella, la numero 94 (Paul Di Resta-Loïc Duval-Stoffel Vandoorne) chiude il gruppo delle Hypercar (17°) dopo aver riscontrato problemi alla batteria.
  • E'Porsche soprattutto sul podio della Hypercar con il secondo posto del cliente 963 n°12 dell'Hertz Team JOTA (Callum Ilott, Will Stevens, Norman Nato) e il terzo posto della seconda Porsche ufficiale, la n°5 partita dalla pole. Cadillac finisce ai piedi del podio con la V-Series.R n. 2 di Sébastien Bourdais-Conte Bamber-Alex Lynn. Ciò significa che c'è un francese in tutti i Top 4 equipaggi di Losail.
  • Toyota e Ferrari, i due leader LMH in campo lo scorso anno, hanno avuto un inizio complicato in Qatar.
  • Mai nel ritmo, tranne in un giro di qualificazione con Nyck de Vries, il GR010 – Hybrid n°7 e n°8, che trasportava 59 chili di zavorra come parte del Balance of Performance (BoP), è arrivato lontano dalla boa (6° e 10°)
  • Nel clan italiano i piloti hanno commesso errori penalizzanti a inizio gara. Superbo al via a prendere il controllo all'esterno della prima curva, Miguel Molina (499P n°50) ha subito un drive through dopo aver oltrepassato la linea bianca all'uscita dei box. Il #50 finalmente è arrivato 7°.
  • A bordo della n.51, James Calado si ritrovò coinvolto in contatto con a McLaren GT3, che ha provocato uno spettacolare distacco dell'alettone posteriore della Hypercar italiana. L'auto vittoriosa a Le Mans l'anno scorso finì solo 14esima.
  • La Ferrari meglio classificata non è altro che la nuova 499P n°83 schierata da AF Corse in livrea gialla. Robert Kubica, Robert Shwartzman e Yifei Ye si sono classificati al 5° posto.
  • Tra i nuovi arrivati, Alpine le tariffe migliori. la A424 n°35 di Charles Milesi, Ferdinand Habsburg e Paul-Loup Chatin ha ottenuto un onesto 9° posto, la vettura gemella n°36 (Nicola Lapierre-Mick Schumacher-Matthieu Vaxiviere finisce 13°.
  • Delusione per la BMW M Hybrid V8. Le Hypercar della marca dell'elica si sono classificate nelle profondità della classifica, in particolare la n°15 (Dries Vanthoor-Raffaele Marciello-Marco Wittmann), che è dovuta rientrare ai box per essere riparata nell'ultimo terzo di gara (16°) .
  • Debutto discreto anche per la Lamborghini SC63 #63 (Daniil Kvyat-Edoardo Mortara-Mirko Bortolotti), che per il suo debutto nella grande competizione si è dovuta accontentare del 15° posto.
  • Si sono registrati due ritiri nella categoria regina delle Hypercar. Petit Poucet Isotta Fraschini e la sua Tipo-6 n. 11 sono stati costretti al ritiro a causa di un problema meccanico alla sospensione anteriore, così come l'altra Porsche JOTA, la n. 38 guidata in particolare da Jenson Button.

92 MALYKHIN Aliaksandr (kna), STURM Joel (ger), BACHLER Klaus (aut), Manthey Purerxcing, Porsche 911 GT3 R #91, LM GT3, azione durante la Qatar Airways Qatar 1812 KM, 1° round del FIA World Endurance Championship 2024 , dal 29 febbraio al 02 marzo 2024 sul Circuito Internazionale di Losail a Lusail, Qatar - Foto Javier Jimenez / DPPI

Porsche 911 GT3 R LMGT3 n°92

Porsche vincitrice anche nella LMGT3, Rossi ai piedi del podio

  • Il successo è stato totale per la casa tedesca, che si è aggiudicata anche la prima gara nella categoria LMGT3 del WEC.
  • Dopo aver preso rapidamente il comando, la Porsche 911 GT3 R LMGT3 numero 92 (Aliaksandr Malykhin-Joel Sturm-Klaus Bachler) non si è mai preoccupata.
  • Precede ilAston Martin La Vantage GT3 n°27 del Team Heart of Racing, e l'altra Aston, la n°77 del D'Station Racing.
  • Nonostante fosse partita in pole position, la Corvette Z06R numero 81 della TF Sport (Tom Van Rompuy, Rui Andrade e Charlie Eastwood) è stata costretta al ritiro a causa di un problema tecnico.
  • L'Akkodis ASP Lexus RC F n. 78 è il quarto e unico altro ritiro da una gara di apertura intensa e competitiva con appena 6 minuti di gara disputati in Full Course Yellow.
  • Prossimo appuntamento nel WEC: la 6 Ore di Imola (Italia) il 21 aprile.

Julien BILLIOTTE

Vicedirettore capo di AUTOhebdo. La piuma si intinse nel fiele.

1 Visualizza commenti)

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

1 Commenti)

4

Thierry Pingret

02/03/2024 alle 07:22

LA gara più bella è quella della Cadillac al di fuori della Porsche, non la pensa anche AutoHebdo?

2

Scrivi una recensione