Safari Rally: Greensmith domina il WRC2, Ciamin 4°

Al termine della prima giornata del 72° Safari Rally, Fergus Greensmith e il suo navigatore Jonas Anderson guidano il WRC2. Sebbene malato, l'inglese ha negoziato bene il suo venerdì per costruire un vantaggio interessante. Debuttante in Africa, Nicolas Ciamin occupa il 4° posto provvisorio.

pubblicato 29/03/2024 à 17:14

Loïc ROCCI

0 Visualizza commenti)

Safari Rally: Greensmith domina il WRC2, Ciamin 4°

Fergus Greensmith è riuscito a evitare tutte le trappole per condurre il WRC2 alla fine del primo giorno del Safari Rally (Foto: Nikos Katikis/DPPI)

Il primo passo di questo 3e L'intero anno dell'anno è iniziato giovedì sera durante la corsa superspeciale Kasarani nei sobborghi di Nairobi. Il resto è stato molto più classico con un giro di tre tappe da disputare due volte. Questi tre ES, ormai ben conosciuti, rappresentavano 63,79 km tracciati tutt'intorno al Lago Naivasha.

Vincitore della SS1, Fergus Greensmith ha esteso il suo dominio oggi con 4 migliori tempi. Dopo aver vissuto una serata breve, il mancuniano non era al meglio della forma, ma ha stretto i denti per riuscire a evitare le trappole e restare in testa. “ Ho vissuto il pomeriggio più difficile della mia carriera, lui ha sussurrato. Ho bisogno di un letto! » C'è da dire che il compito del pilota Skoda è stato agevolato dalle due forature riportate da Oliver Solberg nel corso della mattinata.

« Guido più lentamente rispetto all'anno scorso, ha comunque assicurato Oliver Solberg. Non capisco come abbiamo potuto subire queste forature. Ho provato a rimanere in mezzo alla strada evitando le pietre più grandi, ma questo non ci ha impedito di forare. » Classificato 7e a fine mattinata lo svedese era già rientrato in 3e alla fine del giorno. Se vuole prenderne 2e classifica, dovrà superare Kajetan Kajetanowicz che ha avuto una buona giornata nonostante i problemi al motore.

Classificato 4e, Nicolas Ciamin potrebbe ritenersi soddisfatto della sua tappa. Arrivato con la voglia di non correre rischi e provare ad arrivare al traguardo con grandi punti, il nizzardo è rimasto fedele al suo piano. “ A volte può essere frustrante, ha indicato. Potremmo andare più veloci, ma non sono sicuro che andremmo molto lontano. La macchina funzionava bene, anche se non eravamo abbastanza alti per i binari delle prove. Nel pomeriggio c'era anche molta polvere in cabina. Per sabato è prevista pioggia. Se così fosse mi permetterebbe di aver vissuto tutto di questo evento. »

Questa classifica rischia di essere messa in discussione domani, al termine della giornata più difficile della stagione rallye. In programma 6 prove speciali con 160,96 km cronometrati.

Loïc ROCCI

Giornalista specializzato in manifestazioni passate, presenti e future... e con accento del sud

0 Visualizza commenti)

Continua a leggere su questi argomenti:

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

0 Commenti)

Scrivi una recensione