Riuscirà la Hyundai a sconfiggere la Toyota in Kenya?

Hyundai resta con due vittorie consecutive, a Monte-Carlo e in Svezia. La serie potrà continuare in Kenya, terra domata dalla Toyota per tre anni?

pubblicato 26/03/2024 à 14:40

Yannis Duval

0 Visualizza commenti)

Riuscirà la Hyundai a sconfiggere la Toyota in Kenya?

Hyundai dovrà offrire una grande prestazione in Kenya per battere la Toyota. ©DPPI

Hyundai ha vinto i primi due round di questa edizione 2024 della WRC. A Montecarlo, Thierry Neuville finito poco prima Sebastien Ogier (Toyota) e in Svezia è stato Esapekka Lappi ad intascare la vittoria, la seconda in carriera. La dinamica è positiva nel clan coreano, che rappresenta un buon inizio per il fine settimana keniano che si preannuncia più complicato dei precedenti. In effetti, la rivale Toyota sta correndo in uno dei suoi rally preferiti questo fine settimana: il clan giapponese rimane a tre vittorie consecutive dal ritorno del Kenya nel calendario nel 2021, con due quartine nelle ultime due edizioni.

I piloti Hyundai pronti alla battaglia

Neuville, Grazie e Lappi combatterà poi una grande battaglia contro la Toyota questo fine settimana, una resa dei conti cruciale per il campionato costruttori. Con lo svolgimento dell'evento di marzo, il Kenya potrebbe offrirci una rallye straordinario poiché in questo periodo dell'anno, la pioggia è particolarmente presente nell'Africa orientale. “Se piove diventa molto fangoso e diventa più difficile controllare la vettura e poi si aggiungono le continue variazioni del manto stradale, il che rende il rally molto imprevedibile. È difficile trovare la linea più veloce in tutte le tappe", giudice Esapekka Lappi.

Pioggia del Kenia

Le pozzanghere stanno già aspettando i piloti. ©DPPI

Le condizioni meteorologiche avranno poi un impatto importante sulle prestazioni dei piloti durante tutto il fine settimana. “A seconda di quando inizia a piovere, la nostra posizione sulla strada può essere un vantaggio o uno svantaggio; potremmo svuotare le pozzanghere o attraversarle dopo che sono state ripulite," sottolinea Thierry Neuville. In tappe così imprevedibili la questione non sarà chi sarà il più veloce, ma piuttosto chi riuscirà a tagliare il traguardo senza incidenti. "La macchina non deve essere la più veloce, ma deve essere in grado di sopravvivere nelle condizioni che incontriamo durante le tappe," continua l’attuale leader del WRC.

Finalmente un buon fine settimana per Tänak?

L'inizio di stagione di Ott Tänak è stato particolarmente complicato. Impossibilitato a giocarsi la vittoria, né a Monte-Carlo né in Svezia, l'estone deve assolutamente svegliarsi per restare in contatto con Thierry Neuville ed Elfyn Evans per sperare di conquistare un secondo titolo di campione del mondo. Ma il pilota della Hyundai non si nasconde, il suo inizio di stagione non è stato all'altezza delle aspettative. “Personalmente non sono ancora riuscito a entrare nel vivo di questa stagione e non ho ottenuto buoni risultati. Ammette l'interessato. Spero di poter cambiare la situazione rimanendo pulito e ottenendo buoni risultati in Kenya. Devo essere all'altezza. »

Va anche detto che anche Tänak non è stato aiutato dalla sua macchina all'inizio dell'anno. “Negli ultimi due rally abbiamo avuto difficoltà con la mappatura del motore,” ammette. Problemi che in Kenya dovrebbero sentirsi meno visto che si tratta di un evento ad alta quota, che permette alla mappatura del motore di surriscaldarsi meno.

LEGGI ANCHE > 30 anni fa: l'ultima vittoria di un pilota africano nel WRC al Safari Rally

0 Visualizza commenti)