Futuro del WRC: la disciplina finalmente fissata?

Al termine del Consiglio mondiale di questa settimana, la disciplina dovrebbe definire il suo futuro fino al 2032. Un “concetto” sarà presentato prima della ratifica auspicata quest'estate. Se in Svezia non è trapelato nulla riguardo alla direzione da adottare, la stanchezza è stata evidente tra gli attori.

pubblicato 27/02/2024 à 14:00

Loïc ROCCI

0 Visualizza commenti)

Futuro del WRC: la disciplina finalmente fissata?

© Damien Saulnier / DPPI

« Possiamo passare ad un altro argomento e parlare della buona prestazione di Adrien (Fourmaux au Rally dalla Svezia. Vedi pagine 36-47. NdR) per esempio?, ha cercato di mettere in touch Malcolm Wilson, fondatore del team M-Sport. Non so cosa verrà deciso, ma non vedo perché dovremmo cambiare ciò che abbiamo oggi. Avevamo un contratto di 5 anni, quindi dobbiamo arrivare fino al 2027. Se la FIA scegliesse un'opzione diversa, non avremmo una soluzione sostitutiva. "

Questo percorso di cui parla Wilson prevede l'introduzione del Rally2 come riferimento WRC. Con la Ford Fiesta non più prodotta, la M-Sport rimarrebbe senza modello. Dopo un momento di silenzio, il capo chiuse la discussione con una sonora risata e con un: “ Se non vogliono vederci, troveremo qualcos'altro! » Se la minaccia non viene formulata ufficialmente, c'è chiaramente il rischio di assistere all'abbandono dell'emblematica struttura inglese. Che, in ogni caso, dovrà anche risolversi a sviluppare una nuova Rally2 per compensare la scomparsa della Fiesta, quindi...

Questa partenza forse non sarebbe l’unica. Da parte di Hyundai c'è ancora la volontà di sviluppare una nuova Rally1 per il prossimo anno. “ Da Monte Carlo abbiamo riaffermato la nostra visione a breve e lungo termine, ha spiegato Cyril Abiteboul, presidente della Hyundai Motorsport. Lo abbiamo scritto nero su bianco ed era solo una ripetizione di quanto avevamo già detto. Stiamo aspettando di sapere. Non è molto interattivo. »

Se si dovesse apportare un cambiamento totale al vertice della piramide, cosa farebbe il produttore coreano? Giocherebbe al gioco abbastanza a lungo da passare a un altro programma? Interromperebbe completamente la sua presenza ufficiale per mettere in risalto il suo dipartimento clienti? La stanchezza espressa dal francese è stata riscontrata in un direttore tecnico. “ Siamo stanchi di aspettare, ha spiegato chi ha preferito restare anonimo. Le decisioni avrebbero dovuto essere prese diversi mesi fa. Qui non sappiamo ancora dove andremo né quando. Abbiamo parlato a lungo con la FIA per dettagliare i nostri punti di vista. Ciò senza grandi risultati. Adesso aspettiamo e basta. »

Mentre tra i tre team presenti c'è voglia di immobilità per almeno altri due anni, non sembra esserci nessuno nell'ombra per spingere in direzione del Rally2. Skoda non riceve quasi alcun budget dalla Volkswagen per sviluppare la Fabia e quest'ultima ha anche una durata limitata delle catene. A Stellantis, le implicazioni ufficiali in Formula E e Resistenza vietare l’istituzione di un programma WRC. Se i vertici della FIA pensavano che il passaggio dal Rally1 al Rally2 fosse ovvio e semplice, gli effetti più o meno devastanti nel breve e medio termine hanno portato a fare marcia indietro.

Quale futuro per il WRC?

« Penso che se il presidente della FIA ha riunito questo gruppo di lavoro è per prendere delle decisioni, ha spiegato Andrew Wheatley, direttore dei rally della FIA, a Umeå. Stiamo “danzando” da diciotto mesi ed è ora che si realizzi. » Ciò che l'inglese intende è che tutte le discussioni avvenute con i produttori, il promotore, gli organizzatori e i tifosi (da qui l'indagine proposta dopo Monte-Carlo) dovrebbero portare ad un annuncio al Consiglio Mondiale. “ Sarà un concetto con obiettivi seri che indicherà la via da seguire, ha spiegato in dettaglio l'inglese. Non si tratterà di un regolamento, perché il tempo era troppo breve per raggiungere questo obiettivo, ma fisserà obiettivi chiari. La volontà è quella di continuare a lavorare sui dettagli per avere a giugno qualcosa di concreto che possa essere utilizzato fino al 2032. »

Se l'ex M-Sport non ha voluto rivelare la direzione che verrà seguita, ha riconosciuto che il processo è stato molto complicato e ha lanciato liste di riflessioni. “ È chiaro che non possiamo andare in una direzione che nessuno vuole. Sarebbe pericoloso. Ci sono giocatori che praticano questo sport da molto tempo, ma non possiamo concentrarci solo su quelli che già lo sono. Dovevamo guardare a cosa succederà in futuro e cercare di trovare una scala che vada bene per tutti... il che è praticamente impossibile. Abbiamo molte opzioni all'interno della piramide e per adottare questo regolamento non stiamo parlando di ricreare qualcosa. Possiamo prendere questa e quella parte per costituire l'ultimo piano e così via. Non ci saranno cambiamenti drammatici che richiederanno uno sviluppo intenso per i team nell’arco di tre mesi. Non stiamo dicendo, ad esempio, che passeremo all’idrogeno. Potrebbe anche non esserci alcun cambiamento. »

Considerati i ritardi e le riluttanze, sembra inimmaginabile vedere il Rally1 scomparire prima di gennaio. La rimozione di un livello della piramide non sarebbe priva di conseguenze a lungo termine. L’utilizzo di auto non ibride ci permetterebbe di mantenere il Rally1 risparmiando denaro. Potrebbe essere questa la soluzione? Questa tecnologia era solo una cortina di fumo di marketing di cui oggi tutti ridono. Il campionato può farne a meno prima di passare a qualcosa di più radicale? Le Rally2 con o senza “+” diventeranno le nuove regine? Verrà applicato un “limite di budget”? Il WRC dovrebbe sapere qualcosa in più sul suo futuro questa settimana. Speriamo che sarà lì.

LEGGI ANCHE > La FIA può davvero cambiare tutto nel WRC?

Loïc ROCCI

Giornalista specializzato in manifestazioni passate, presenti e future... e con accento del sud

0 Visualizza commenti)

Continua a leggere su questi argomenti:

wrc
Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

0 Commenti)

Scrivi una recensione
Barcellona – Gara 1 Porsche Carrera Cup Francia 2024