Collezionista Senna – Manish Pandey (sceneggiatore del film Senna): “Eravamo solo messaggeri”

Sulla carta, nulla predestinava questo medico britannico di origini indiane a contribuire al clamoroso successo che fu il documentario Senna pubblicato nel 2010. Fatta eccezione per uno spiccato interesse per i video, nonché una passione divorante per la Formula 1 e il tre volte mondiale brasiliano. campione. Intervista ad un esperto.

pubblicato 19/03/2024 à 14:45

Julien BILLIOTTE

1 Visualizza commenti)

Collezionista Senna – Manish Pandey (sceneggiatore del film Senna): “Eravamo solo messaggeri”

© John Phillips/Getty Images per Hexagon Classics

Questo articolo può essere trovato nel nostro Collezionista di Ayrton Senna. 100 pagine che ripercorrono la carriera della leggenda brasiliana scomparsa 30 anni fa, ancora disponibili nel nostro store online formato cartaceo o 

Julien BILLIOTTE

Vicedirettore capo di AUTOhebdo. La piuma si intinse nel fiele.

Questo articolo è riservato agli abbonati.

Ti resta il 97% da scoprire.



Sei già abbonato?
Accedi


  • Articoli premium illimitati
  • La rivista digitale dalle 20:XNUMX ogni lunedì
  • Tutti i numeri di AUTOhebdo disponibili dal 2012
COUV-2433

1 Visualizza commenti)

Continua a leggere su questi argomenti:

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

1 Commenti)

S

Jacques Morin

22/03/2024 alle 05:28

Sì,... un dottore molto orientato. Vediamo tutto il genio di Ayrton, il sole che era. Nessuna traccia del lato oscuro. E poi c'è la sceneggiatura del Nemico. Non mostrare la riconciliazione e il rispetto tra i due alla fine del 93, escluse le parole di Prost, ha mancato la carriera di Ayrton che è diventato la "Senna Legend" grazie alla sua opposizione alla "Senna Legend". Legend Prost". i due sono inseparabili, nella loro grandezza e nella loro “meschinità”. No, questo è uno scenario unilaterale. Lo vedo quasi come il pilot di “Drive to survival”. Ok, sto un po' esagerando. Ma c'è di meglio: "THE Race in the Blood", un doc del 1991, di Guiter, con immagini della penna di Boisnard e Froissart... Era meno ben confezionato, ma il contenuto era completamente diverso... visibile su Youtube.

Scrivi una recensione