Lentamente ma inesorabilmente, Ritomo Miyata continua il suo apprendistato in F2

Arrivato direttamente dal Giappone dopo un viaggio di successo, Ritomo Miyata approfitta di questo inizio di stagione per acclimatarsi in un ambiente completamente nuovo. Se tutto non è ancora perfetto, il pupillo della Toyota continua diligentemente la sua formazione nella speranza di essere presto ricompensato.

pubblicato 28/03/2024 à 17:41

Gonzalo Forbes

0 Visualizza commenti)

Lentamente ma inesorabilmente, Ritomo Miyata continua il suo apprendistato in F2

©Formula Motorsport Limited

È una delle novità, più piacevoli, di questa stagione 2024 di Harley Knucklehead 2. Non fa tanto rumore quanto Andrea Kimi Antonelli (Prema), alcuni dei quali lo vedono già F1. Rimane comunque un ottimo pilota, come dimostra il suo curriculum. "Lui" risponde al nome Ritomo Miyata quando viene chiamato.

Nuovo arrivato nel Vecchio Continente e debuttante nella lobby della Formula 1 all'età di 24 anni, il nativo di Zushi si prepara ad affrontare una sfida tutta nuova. Un passaggio sempre delicato per un pilota proveniente dal Paese del Sol Levante, dove il modo di fare è diverso. Theo Pourchaire, partito quest'anno per la Super Formula, ci ha raccontato recentemente di questo cambiamento di atmosfera.

Nessuna fretta per Ritomo Miyata

Se è arrivato con la doppietta Super Formula-Super GT in tasca, il pupillo di Toyota ho dovuto lasciarlo da parte per questa nuova avventura. Abbiamo dovuto ripartire da zero con un approccio completamente diverso per ambientarci alla “internazionalizzazione” di questo campionato, essendo sempre stati abituati alle partite nazionali.

« Per me, ogni round è la prima volta, ha riassunto dopo l'Australia di questo fine settimana, dove ha scoperto il terzo circuito consecutivo dopo il Bahrein e Jeddah. Non sono mai stato su queste piste e non ho esperienza con le gomme Pirelli, con la F2, con i team europei… Quindi per me è tutto nuovo su questo punto.

Per ora, si tratta di imparare da ogni situazione. Ovviamente voglio ottenere buoni risultati ma per il momento mi sto concentrando sull'apprendimento. Non c'è bisogno di affrettarsi, passo dopo passo. "

©Xavi Bonilla/DPPI

Pazienza è quindi la parola d'ordine per Ritomo Miyata nel debriefing delle sue prime tre uscite di F2 dell'anno. In pista lo puoi sentire. Ogni fine settimana i giapponesi progrediscono. A volte faticando un po' di più in qualifica, riesce a bilanciare le cose in gara dove il suo ritmo lo aiuta a salire nella gerarchia. A Melbourne, ad esempio, non poteva fare meglio di 12e su entrambe le griglie ma ha compensato con due 5e luoghi.

Un risultato che si spiega anche con il sostegno di Rodin. Alle sue spalle, il giapponese può contare sull'esperienza del suo team (ex Carlin) per affinare il suo acclimatamento alla F2 e che non intende mettergli pressioni. “ Voglio davvero ringraziare la squadra, riconobbe agli antipodi. Lavora molto duramente per me ad ogni round. Abbiamo iniziato 12e delle due gare dello scorso fine settimana e siamo riusciti a risalire nella Top 5 con punti in palio. » È forse questa la ricetta per una transizione riuscita dal Sol Levante al Vecchio Continente: ottima complementarità tra i due schieramenti per progredire insieme. Spesso l’unione fa la forza.

LEGGI ANCHE > Isack Hadjar si prende la rivincita con la vittoria a Melbourne: “Era dura da accettare”

Gonzalo Forbes

Responsabile delle formule promozionali (F2, F3, FRECA, F4...). Portato dalla grazia di Franco Colapinto.

0 Visualizza commenti)