Jenson Button (JOTA): “Le corse automobilistiche dovrebbero essere divertenti”

Jenson Button ha preso parte alla conferenza stampa questo mercoledì in Qatar prima di iniziare la stagione WEC 2024 nella categoria Hypercar con l'Hertz Team JOTA.

pubblicato 28/02/2024 à 17:46

Valentino GLO

0 Visualizza commenti)

Jenson Button (JOTA): “Le corse automobilistiche dovrebbero essere divertenti”

Foto: Julien Delfosse/DPPI

Jenson Button, quali sono le tue sensazioni dopo il prologo del WEC qui in Qatar?

Non avevo mai percorso questo circuito al simulatore prima di venire qui, ed era ovviamente la prima volta per la maggior parte di noi. È un circuito difficile, davvero. Le gomme si consumano poco, ma è molto nervoso. Ciò rende molto facile perdere improvvisamente l’auto in uscita o in entrata di curva, il che rende le cose un po’ più difficili quando si tratta di spingere l’auto in modo aggressivo. Tuttavia, è anche molto divertente, perché puoi guidare la macchina in un modo che normalmente non potresti fare sulla maggior parte dei circuiti. Quindi mi è davvero piaciuto. Ci siamo tutti sentiti come se stessimo guidando un golf cart, vedendo i cambi di direzione e tutto ciò che c'è da fare. In termini di prestazioni, questi giorni sono stati buoni. La cosa più importante è che abbiamo fatto tanti giri, 465 in totale, credo tra le due vetture (491 in realtà. Nota dell'editore). Quindi il team ha lavorato instancabilmente, e probabilmente spetta più a Sam (Hignett, ndr) dirlo, ma diventare un team con due vetture è una sfida a questo livello. Sai, è un'auto molto complicata, come tutte le Hypercar lo sono. Il feedback è stato molto positivo con tutto ciò che abbiamo messo a punto in termini di impostazioni negli ultimi giorni, cosa che non ho visto spesso nel motorsport. Quindi sì, è davvero una bella squadra ed è divertente lavorare con lei, che è una delle cose più importanti per me a questo punto della mia vita. Le corse automobilistiche dovrebbero essere divertenti. Questo non è un lavoro per me. Si tratta di avere successo e divertirsi.

Quando dici che per te l'importante è divertirsi, è correre in un team privato, anche se hanno dimostrato di poter competere con i team ufficiali, e magari non avere la pressione legata alla guida per un costruttore, ne fa parte?

Questa squadra sta correndo per vincere, per essere competitiva e per avere il sopravvento, in un certo senso, sui grandi team, se vuoi, sui costruttori. Questo è ciò che mi piace. Sono stato sotto tutta la pressione possibile nel motorsport, quindi non è assolutamente un problema. È solo che penso che abbiamo tutti gli stessi obiettivi. Abbiamo fatto un bel po' di team building, ma non era proprio necessario perché ci adattiamo tutti bene a questa squadra come piloti e ci stiamo divertendo. Come ho detto, come pilota da corsa vuoi sempre vincere. Non importa se ti piace o no. Ciò che conta è vincere. Questa è la cosa più importante, ma anche divertirsi è essenziale.

Come team cliente, quanto è importante battere le vetture ufficiali?

Per vincere le gare devi battere la tua macchina gemella, quindi non dovresti prendere di mira solo una squadra. È un campionato in cui ci sono molti team e macchine molto competitivi, e lo abbiamo visto negli ultimi giorni. Non possiamo provare a battere una sola squadra. Siamo qui per essere competitivi.

LEGGI ANCHE > “Entro due o tre anni avremo una squadra del Qatar nel WEC” – Amro al-Hamad (Losail)

Valentino GLO

Giornalista. Reporter di endurance (WEC, IMSA, ELMS, ALMS) e talvolta F1 o IndyCar.

0 Visualizza commenti)