12 Ore di Sebring – Delétraz e Acura vincono dopo un duro duello con Cadillac: “Bourdais è stato duro ma corretto, quindi grazie a lui”

Il duello tra la Cadillac n. 01 di Sébastien Bourdais e l'Acura n. 40 di Louis Delétraz si è rivolto a vantaggio dello svizzero nei minuti finali della 12 Ore di Sebring, regalando una prestigiosa vittoria a WTRandretti al termine di un'intensa lotta.

pubblicato 17/03/2024 à 09:47

Dorian Grangier

0 Visualizza commenti)

12 Ore di Sebring – Delétraz e Acura vincono dopo un duro duello con Cadillac: “Bourdais è stato duro ma corretto, quindi grazie a lui”

©IMSA Media

Ricorderemo a lungo questa 72a edizione del 12 ore da Sebring (Florida), o meglio, ricorderemo a lungo soprattutto questi epici ultimi dieci minuti sulla pista della Florida. L'esito più che indeciso negli istanti finali di una gara che inizialmente sembrava promessa alle Cadillac, prima l'impressionante caduta di Pipo Derani a bordo della V-Series.R n°31 Non venire a rimescolare le carte.

L'altra Cadillac, la numero 01 d'oro, ha avuto l'occasione di cancellare la delusione per questo terribile incidente: in testa al gruppo GTP dopo la ripartenza finale, Sébastien Bourdais avrebbe potuto portare a casa la vittoria, ma senza contare sull'entusiasmo di Louis Delétraz a bordo dell'Acura n. 40 alle sue spalle. Lo svizzero, scatenato, non ha avuto bisogno di farsi chiedere: a cinque minuti dalla fine, il pilota della WTRandretti ha tentato un tuffo all'interno del francese, con successo! Una manovra muscolare (con pochi contatti) ma soprattutto decisiva per ottenere la sua prima vittoria nella categoria reginaIMSA.

“Alla fine la macchina era davvero forte e sapevo che eravamo nella posizione di vincere. C’era molta pressione”, ha confidato un felice Louis Delétraz al termine della gara. Lo svizzero ha anche spiegato il suo sorpasso decisivo per la vittoria, e ha ringraziato Sébastien Bourdais per la battaglia offerta in pista. “Non l'ho mai fatto (essere il pilota a tagliare il traguardo, ndr), la mia prima volta è stata a Daytona, questa è la seconda volta che finisco una gara. Ovviamente volevo vincere e segnare punti per il campionato. Ho visto che avevo l'opportunità di farlo. Sébastien [Bourdais] è stato duro ma corretto, quindi grazie a lui. E alla fine, ho visto l'apertura, ci ho provato, avevo più ritmo e ho vinto! Ricorderò questa gara per molto tempo. »

12 Ore di Sebring: primo successo per WTRandretti con Acura

Louis Delétraz non è stato l'unico a costruire questa vittoria per Acura e WTRandretti. Il numero 40 è riuscito a tornare in testa al gruppo grazie soprattutto ai grandi stint di Colton Herta. L'americano ha spinto come un matto per risalire il gruppo GTP e prendere il comando a due ore dalla fine, mettendo il suo equipaggio in una buona posizione per lo sprint finale della 12 Ore di Sebring.

" È meraviglioso ! È incredibile vincere finalmente questa gara. Ho quasi vinto nel 2020 con la BMW e sono finito fuori a cinque minuti dalla fine, ricorda Colton Herta, finalmente vendicato. Da allora, volevo davvero tornare e provare a vincere questa gara. Fortunatamente, ci siamo riusciti. Non potrò mai sottolineare abbastanza quello che Louis ha fatto nell'ultimo stint per portare a casa la vittoria, il tipo di pressione a cui era sottoposto e la sua capacità di uscirne e dare un colpo a Sébastien. Penso che tutti abbiano fatto un lavoro fantastico nella squadra, i piloti. Tutto è stato perfetto per noi. »

Per Acura e WTRandretti questo successo alla 12 Ore di Sebring rappresenta anche una bella rivincita dopo una faticosa 24 Ore di Daytona, dove le ARX-06 non si sono particolarmente distinte contro Cadillac e Porsche. Soprattutto, si tratta della prima vittoria del team americano con la casa giapponese nella categoria GTP. “È una grande vittoria per la squadra. La nostra macchina è rimasta fuori dai guai tutto il giorno, sottolinea Jordan Taylor. L'ultimo periodo di Louis ha fatto la differenza oggi. La squadra ha fatto un buon lavoro nel mantenerci in corsa, ma lui ha lottato davvero per questa vittoria e ce l’ha ottenuta. »

LEGGI ANCHE > Battuto sul traguardo a Sebring, Bourdais critica un arrivo trasformato in una “gara di autoscontri”

Dorian Grangier

Un giovane giornalista nostalgico degli sport motoristici di una volta. Cresciuto grazie alle gesta di Sébastien Loeb e Fernando Alonso.

0 Visualizza commenti)

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

0 Commenti)

Scrivi una recensione