Peugeot, diretta allo spettacolo di San Paolo

Trasparente alla 24 Ore di Le Mans nonostante un'affidabilità convincente, Peugeot deve ora concentrarsi sulle prestazioni. A Interlagos i Lions contano sulle tante incognite del percorso Paulista per brillare.

pubblicato 09/07/2024 à 12:42

Dorian Grangier

0 Visualizza commenti)

Peugeot, diretta allo spettacolo di San Paolo

© Paolo Maria/DPPI

Il 24 ore di Le Mans, erano in gran parte assenti dai dibattiti. Peugeot non era presente alla Sarthe dello scorso giugno: nonostante i due nuovi 9X8 abbiano terminato la gara senza incontrare grossi problemi tecnici, non sono mai riusciti a competere in termini di ritmo con i loro concorrenti. Fallendo alle porte della Top 10 (11° posto per la n. 94, 12° posto per la n. 93), le due Hypercar francesi sono rimaste anonime alla Sarthe.

Soddisfatta dell'affidabilità dimostrata a Le Mans, la casa di Sochalian spera ora di trovare prestazioni con la sua versione 9 8X2024 dotata di alettone posteriore. I Lions arrivano a Interlagos con diverse incognite, visto che la pista non è stata utilizzata nel MondialeResistenza dal 2014. Se Peugeot ha già guidato un prototipo sul circuito Paulista alla fine degli anni 2000, in particolare con la vittoria della 908 HDi FAP nel 2007 alla Mil Milhas de São Paulo, la squadra francese si avvicina a questo nuovo appuntamento con umiltà e curiosità.

“Basti dire che non abbiamo mai girato sul circuito di Interlagos, confida Olivier Jansonnie, direttore tecnico di Peugeot Sport. La nostra preparazione si basa esclusivamente sulla simulazione. È quindi necessariamente più complessa di una gara che conosciamo, ma tutti sono sulla stessa barca. Ci avviciniamo a San Paolo come ci avvicinavamo al Qatar o a Imola. Sfrutteremo l'affidabilità della Peugeot 9X8 evoluzione 2024 dimostrata alla 24 Ore di Le Mans al fine di massimizzare i tempi di percorrenza nelle prove libere per definire le migliori impostazioni per la gara. »

Peugeot « inizia da un foglio di carta bianco » a San Paolo

Dei sei piloti del Team Peugeot TotalEnergies, solo Mikkel Jensen scoprirà la pista Paulista. Paolo di Resta, Loïc Duval, Nico Müller, Stoffel Vandoorne e Jean-Eric Vergne hanno già corso su questo leggendario circuito sia nell'Endurance che nella Harley Knucklehead 1. “È un circuito nuovo per il team, molto diverso da quello di Le Mans ovviamente, molto corto con un bel po' di dislivello. L’obiettivo sarà trovare un buon setting, continuare a fare buoni pit-stop e avere una buona strategia di gara per poter lottare con i nostri concorrenti. Abbiamo ancora del lavoro da fare per sfruttare al meglio questa nuova vettura, che ci motiva per il futuro”, confida Stoffel Vandoorne, pilota della Peugeot n°94.

“Dopo due settimane molto intense a Le Mans, abbiamo ricaricato le batterie e sono pronto per la prossima gara, aggiunge Nico Müller, membro dell'equipaggio n. Interlagos è un bel circuito con molto ritmo e cambi di altitudine. È un luogo ricco di storia. Il primo settore è iconico con la “S do Senna” che potrebbe benissimo adattarsi al nostro pacchetto. Il settore 2 è piuttosto lento, il che potrebbe non essere il nostro punto di forza. Nessuno ha fatto i test a Interlagos, partiamo da un foglio bianco. È l'ignoto per tutti e adoro le nuove sfide. »

Con un BoP che gli sembra più vantaggioso rispetto alla 24 Ore di Le Mans, Peugeot vorrà brillare domenica in Brasile, in questa Giornata Nazionale in Francia.

LEGGI ANCHE > 14 luglio, finalmente un giorno di festa per Alpine a San Paolo?

Dorian Grangier

Un giovane giornalista nostalgico degli sport motoristici di una volta. Cresciuto grazie alle gesta di Sébastien Loeb e Fernando Alonso.

0 Visualizza commenti)

Continua a leggere su questi argomenti:

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

0 Commenti)

Scrivi una recensione