Rally del Portogallo – Un fine settimana importante per il futuro del WRC

Dopo più di 12 mesi di discussioni, riunioni e altri incontri, il Campionato del mondo di rally dovrebbe lasciare il Portogallo con una visione a lungo termine in diversi settori. Se il regolamento tecnico dovrebbe essere presto svelato, l'aspetto promozionale dovrebbe aprire prospettive.  

pubblicato 10/05/2024 à 16:56

Loïc ROCCI

0 Visualizza commenti)

Rally del Portogallo – Un fine settimana importante per il futuro del WRC

Il Rally del Portogallo 2024 rimarrà l’evento in cui il WRC ha iniziato la sua ripresa? (Foto: Rally del Portogallo)

Come purtroppo è avvenuto già da diversi round e questo è iniziato più di un anno fa, l'atmosfera all'interno della piccola famiglia di WRC non è molto felice. Con chiunque si parli, che si tratti del promotore, della FIA, di una squadra o anche della stampa, nessuno sembra felice in questa disciplina. Durante rallye di Portogallo 2023, si erano sentiti i primi appelli al cambiamento ed erano già emerse alcune idee senza risultati concreti. Dodici mesi dopo, sembra che la seconda competizione automobilistica più importante dopo la F1 ancora non sa su che piede ballare. Tuttavia, le cose dovrebbero finalmente cambiare questo fine settimana.

Il futuro riguarda due ambiti. Sono entrambi molto diversi, ma allo stesso tempo completamente correlati. C'è l'aspetto promozionale da un lato e la regolamentazione tecnica dall'altro.

Per quest'ultimo resta l'indeterminatezza. Gli annunci sono stati fatti durante il Consiglio Mondiale di febbraio. Hanno raggiunto l’impresa di ottenere un sostegno unanime contro di loro. Per una volta, tutte e tre le squadre concordano di respingerli. Con l’avvicinarsi della data, è molto complicato sapere quale sarà il contenuto della tabella di marcia che verrà presentata durante il prossimo Consiglio Mondiale dell’11 giugno. La FIA e la task force creata in tutta fretta per salvare il WRC riescono a riconoscere che le idee sviluppate non erano buone e che è meglio non cambiare nulla? La scelta verrà fatta per superare la riluttanza delle squadre, con le conseguenze che ciò potrebbe comportare? A Porto i tre dirigenti sono stati molto impegnati. Tra interviste e incontri in numero più o meno ridotto, hanno riaffermato il desiderio di vedere la storia del Rally1 continuare nel 2025 e nel 2026. Allo stesso tempo, hanno tutti spinto con forza affinché i regolamenti per il 2027 venissero rapidamente annunciati. essere ascoltato? Durante tutto questo periodo, anche la questione della promozione è stata al centro delle discussioni.

Per diversi mesi, il promotore del WRC è stato criticato. Se ci sono elementi da cambiare nel modo di raccontare gli eventi e anche nel contenuto di quanto proposto, è sbagliato dire che va tutto male. I responsabili di questo importante aspetto riconoscono che ci sono cose da migliorare. Sarà questo l'oggetto di un incontro cruciale sabato mattina durante il quale verrà svelato il piano di comunicazione per i prossimi mesi (anni?). Incontrerà il supporto delle squadre? È essenziale che finalmente si instauri una dinamica positiva per coinvolgere tutte le parti in causa, in modo che il WRC ritorni sulla buona strada e, in ultima analisi, attiri rapidamente nuovi concorrenti.

LEGGI ANCHE > Calendario WRC 2025… pochi posti da assegnare

Loïc ROCCI

Giornalista specializzato in manifestazioni passate, presenti e future... e con accento del sud

0 Visualizza commenti)