Portogallo: fortune alterne per i Tricolores in Portogallo

Se Mattéo Chatillon e Jean-Michel Raoux si sono distinti nelle rispettive categorie, gli altri francesi hanno avuto più difficoltà. In particolare, c'erano diverse uscite dalla strada.

pubblicato 14/05/2024 à 18:54

Loïc ROCCI

0 Visualizza commenti)

Portogallo: fortune alterne per i Tricolores in Portogallo

Gjhuvanni Rossi ha lasciato il Portogallo dopo aver fatto progressi con la sua Clio Rally3 (Foto: Nikos Katikis/DPPI)

A Porto, inoltre Sebastien Ogier et Adrian Fourmaux che ha corso nel Rally1, gli altri francesi hanno gareggiato nel WRC2 e nel WRC3. Dopo il Rally2, Pierre-Louis Loubet (Fabia RS), Pierre Lafay (C3) e Patrick Déjean (Fiesta R5) non sono arrivati. Sono andati tutti fuori strada, l'ultima città è stata abbastanza sfortunata da far sì che ciò accadesse nello speciale finale del rallye (SS22) a pochi chilometri dall'arrivo.

Associato a Charlyne Quartini, Pierre Lafay era 20° nel WRC2 quando si ritirò dopo essere uscito di strada (Foto: Paulo Maria/DPPI)

Tra i 4 equipaggi che hanno effettuato il viaggio nel WRC3, Tom Pieri è stato tra i più veloci. Sebbene fosse nuovo all'evento, il pilota 25enne ha fatto segnare due migliori tempi e poi ha guidato la categoria durante 3 PS (da SS4 a SS6). La dimostrazione si è conclusa con un'imponente uscita completata sul tetto della SS7.

Tristan Charpentier è riuscito a continuare a sorridere in Portogallo nonostante i problemi (Foto: Paulo Maria/DPPI)

Posizionandosi un gradino sotto Mattéo Chatillon, Tristan Charpentier ha confermato di non essere il pilota più fortunato in griglia. Autore prima di un lento rotolamento nello shakedown, è poi stato costretto al ritiro a causa di tre forature nella giornata di venerdì (PS7). In precedenza, il 23enne nordista che non aveva mai guidato una Rally3 su terra, aveva comunque registrato tempi promettenti. Ripartito sabato, ha dimostrato le sue doti con diversi tempi interessanti (2e SS16) finitura 6e. ' Dopo la Croazia ci è mancato ancora il successoha spiegato. Nonostante tutto sono soddisfatto delle prestazioni che siamo riusciti ad ottenere con Florian (Barral il suo copilota). Venendo dal circuito lo trovo incoraggiante. »

Alla scoperta anche del Portogallo, Ghjuvanni Rossi lasciò il Porto con sentimenti contrastanti. “ Ho trovato questo rally difficile, ha ammesso. Abbiamo avuto una foratura e abbiamo percorso un'intera tappa sul cerchione. Ne abbiamo anche distorto un altro. L'auto non era molto ben regolata in termini di telaio. Dopo essere stati molto scossi durante le prime due tappe, abbiamo finalmente capito durante l'ultimo giorno. Speravamo in un risultato migliore, ma abbiamo preso punti ed è stato molto divertente. Era leggendario. » Chatillon, Pieri e Rossi saranno nuovamente in campo nel WRC3 in Sardegna (30 maggio-2 giugno) per la 6e turno di campionato.

Loïc ROCCI

Giornalista specializzato in manifestazioni passate, presenti e future... e con accento del sud

0 Visualizza commenti)