Ogier lascia Alén in Portogallo: “È una leggenda”

Vincendo il Rally del Portogallo per la sesta volta nella sua carriera, Sébastien Ogier è diventato il detentore del record dell'evento lusitano.

pubblicato 12/05/2024 à 15:39

Gonzalo Forbes

1 Visualizza commenti)

Ogier lascia Alén in Portogallo: “È una leggenda”

©Nikos Katikis/DPPI

La caccia non è mai finita Sebastien Ogier, nemmeno quando svolge un ruolo freelance. Tre settimane dopo il suo primo successo stagionale in Croazia, il Gapençais si è ripetuto questo fine settimana in occasione della Rally dal Portogallo.

Un 60e al suo palmarès si aggiunge una vittoria e soprattutto un nuovo record. Ancora un altro. Finora a pari merito con Markku Alén per numero di successi in terra portoghese, il Tricolore è ora l'unico primatista in campo con 6 trionfi, il primo in campo dal 2017, poi con i colori del M-Sport. In precedenza si era affermata con Citroën e Volkswagen. Toyota è quindi il 4e diverso produttore per consentirgli di stabilirsi in Portogallo.

« Ancora una volta, non ho nulla contro il fatto di essere a pari merito con Markku Alén perché è una leggenda, enfatizzato-lui pochi istanti dopo il suo successo. Da molti anni sento dire “Quando batterai quel record?”. È stato un fine settimana fantastico, purtroppo non per la squadra, ma ho fatto del mio meglio per portare loro più punti possibile. È una sensazione fantastica. "

Dopo una serie di due vittorie consecutive, Sébastien Ogier avrà l'opportunità di continuare poiché è previsto che inizi il Rally della Sardegna alla fine del mese (dal 30 maggio al 2 giugno).

LEGGI ANCHE > 60esima vittoria in carriera per Sébastien Ogier, nuovo detentore del record del Rally del Portogallo

Gonzalo Forbes

Responsabile delle formule promozionali (F2, F3, FRECA, F4...). Portato dalla grazia di Franco Colapinto.

1 Visualizza commenti)

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

1 Commenti)

Yves-Henri RANDIER

12/05/2024 alle 09:40

Tanto di cappello al lavoratore temporaneo! Congratulazioni per questo 60esimo successo ma in “prestazioni intermittenti”, non è un brutto segno per il WRC? Il livello del personale fisso non lascerebbe un po' a desiderare anche se sono tutti acrobati del cerchio?

1

Scrivi una recensione