La maledizione africana continua per Hyundai al Safari Rally

La maledizione che ogni anno colpisce il costruttore sudcoreano al Safari Rally ha colpito ancora. Dopo tre edizioni molto complicate, gli uomini di Cyril Abiteboul hanno vissuto ancora una volta un viaggio ricco di eventi... di cui Thierry Neuville è emerso come il grande beneficiario.

pubblicato 02/04/2024 à 13:00

Loïc ROCCI

0 Visualizza commenti)

La maledizione africana continua per Hyundai al Safari Rally

©Nikos Katikis/DPPI

Forse invece di reclutare ingegneri di talento, Cyril Abiteboul ferait mieux d’embaucher un marabout qui sache déjouer les mauvais sorts qui frappent Hyundai chaque année au Kenya. Ce n’est en effet pas encore cette saison qu’une i20 se hissera sur la première marche du podium. Le début du rallye era stato comunque promettente.

Tutto è iniziato bene. Sulla terra quasi rossa della superspeciale Kasarani, Thierry Neuville et Ott Tanak ha firmato la doppietta in testa alla corsa. Poi, l'estone ed Esapekka Lappi sono riusciti a restare in un'imboscata del leader Kalle Rovanperä prima che quest'ultimo scappasse. Entrambe le i20 erano indietro di meno di 17 pollici quando tutto ha iniziato ad andare di traverso. Solo

Loïc ROCCI

Giornalista specializzato in manifestazioni passate, presenti e future... e con accento del sud

Questo articolo è riservato agli abbonati.

Ti resta il 90% da scoprire.



Sei già abbonato?
Accedi


  • Articoli premium illimitati
  • La rivista digitale dalle 20:XNUMX ogni lunedì
  • Tutti i numeri di AUTOhebdo disponibili dal 2012
COUV-2433

0 Visualizza commenti)

Continua a leggere su questi argomenti:

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

0 Commenti)

Scrivi una recensione