Chris Williams (M-Sport): “Adrien non ha visto la sua velocità o il rischio di questa velocità”

Molto criticata la scorsa stagione per la mancanza di affidabilità della sua Ford Puma, M-Sport sta avendo un inizio di 2024 convincente in questo ambito. Chris Williams, il direttore tecnico, spiega da dove viene questa svolta e torna sulla trasformazione di Adrien Fourmaux.

pubblicato 26/04/2024 à 11:09

Loïc ROCCI

0 Visualizza commenti)

Chris Williams (M-Sport): “Adrien non ha visto la sua velocità o il rischio di questa velocità”

Chris Williams fa il punto sulla ritrovata affidabilità della Puma e sui progressi di Adrien Fourmaux (Foto: Dan Bathie / M-Sport)

L'anno scorso hai avuto molti problemi con le tue auto. Non è così in questa stagione. Cosa hai fatto durante la bassa stagione per risolvere le tue preoccupazioni?

Niente di importante (ride).

Evidentemente era sufficiente?

Ci siamo concentrati sulle priorità e su alcuni processi, ma non ci sono stati grandi cambiamenti.

Come spieghi questa variazione nei risultati? È stata sfortuna? I driver utilizzavano in modo improprio l'hardware?

Erano diversi e lo sono anche quest'anno, quindi non penso che sia correlato.   

Questo ti sorprende?

Siamo tornati dove avremmo dovuto essere.

Questo significa che sei andato troppo oltre in termini di sviluppo o nelle impostazioni?

L'anno scorso abbiamo dedicato il nostro tempo allo sviluppo delle cose. Eravamo sempre in ritardo e c'erano continui cambiamenti. Costantemente... Spingevamo costantemente per apportare modifiche. Quest'anno è più tranquillo. Osserviamo attentamente per vedere se è interessante, se siamo contenti di ciò che vogliamo introdurre prendendoci il nostro tempo.

Cosa c'è di nuovo nel 2024? È stato perché avevi un pilota che aveva la velocità necessaria per vincere i rally e volevi dargli una macchina per farlo?

L'anno scorso abbiamo avuto un pilota a cui non piaceva il 90% della macchina. Quindi abbiamo cambiato tante piccole cose... continuamente. Un po’, un po’, un po’… Era: “ questo è sbagliato, questo è sbagliato, dobbiamo migliorare, questo e questo... » Ciò ha comportato cambiamenti, ancora e ancora. Era molto frenetico. Oggi, con il ritorno diAdrian Fourmaux, lo sviluppo avviene attorno ad esso. L'auto ora è più fatta per lui. Penso che ora funzioni con l'esperienza che abbiamo acquisito l'anno scorso... e perché è più a suo agio con la Puma.

E questo dà risultati decenti?

Di tanto in tanto, quando corre con il giusto assetto e gira libero, fa dei buoni tempi come in Croazia.

Come lo hai visto evolversi tra il 2022 e questa stagione?

Per me probabilmente è più rilassato in macchina. Nel 2022, per il suo primo anno nel Rally1, a Monte-Carlo voleva vincere dall'inizio della gara, forse anche prima della partenza. Adrien ha fatto segnare dei buoni tempi, ma il suo incidente è stato violento. Chissà se nel 2022 si è accorto qualche volta di quanto fosse veloce. Non vedeva la sua velocità né il rischio di questa velocità. Stava guidando veloce... e stava andando fuori strada. Quest'anno attacca, ma non dimentica che deve finire anche lui. Adrien ora sa che non è necessario spingere costantemente.

In Croazia hai presentato una nuova ala. Quali saranno i prossimi sviluppi che appariranno sulle Puma?

Siamo in un momento in cui dobbiamo essere sicuri che ciò che vogliamo introdurre abbia davvero senso. Continuiamo lo sviluppo, ma al momento non è possibile ottenere grandi miglioramenti, quindi stiamo lavorando su diversi argomenti e cercando di identificare quali funzionano.

Loïc ROCCI

Giornalista specializzato in manifestazioni passate, presenti e future... e con accento del sud

0 Visualizza commenti)