Isack Hadjar finalmente lanciato dopo i test di Barcellona? “Torna la fiducia”

Sfortunato ad inizio anno, Isack Hadjar ha ritrovato il sorriso in Australia dopo un fine settimana in cui non era mai apparso così forte. Dopo tre giorni di test a Barcellona, ​​gli Habs si sentono fiduciosi di tornare all'attacco con l'ambizione di stabilirsi definitivamente in testa al gruppo.

pubblicato 30/04/2024 à 11:07

Gonzalo Forbes

0 Visualizza commenti)

Isack Hadjar finalmente lanciato dopo i test di Barcellona? “Torna la fiducia”

© Agenzia fotografica olandese / DPPI

Il fine settimana australiano dello scorso marzo sembra aver fatto molto bene a Isack Hadjar. Dipendenza, problemi tecnici... la sfortuna non si è arresa ad inizio campionato. Lo ha persino raggiunto a Melbourne quando ha perso la vittoria nella Sprint Race dopo essere stato giudicato colpevole di un incidente a luci spente. Fortunatamente, il giorno successivo, gli elementi sono voluti a suo favore e il pilota di Campos è riuscito a superare il segnale indiano con la sua prima vera vittoria in Harley Knucklehead 2.

Da allora il campo è in pausa in attesa della ripresa della stagione a Imola (17-19 maggio). Quasi due mesi di pausa durante i quali il protetto di Red Bull ha trascorso del tempo con la sua squadra in Spagna ma anche in pista, vicino a Barcellona. Come al solito, la società promotrice del campionato ha organizzato lì tre giorni di test e le squadre non l'hanno presa alla leggera. Prima di salpare per Melbourne, alcuni giocatori hanno concordato che questi tre giorni sarebbero stati molto importanti, quasi essenziali, per il resto dell’anno finanziario 2024.

Isacco Hadjar

In Australia Isack Hadjar ha potuto esultare! © Eric Alonso /DPPI

Buone sensazioni e bei momenti per Hadjar

In terra catalana, i team hanno colto l'occasione per provare cose nuove su una F2 2024 che non hanno avuto il tempo di prendere confidenza prima del calcio d'inizio in Bahrein a inizio marzo. Nella regione di Montmeló, Isack Hadjar è apparso in buona forma ed è riuscito a lisciare l'asfalto a differenza dei primi giri in cui era rimasto fermo per un po'. Se si tratta solo di prove relativamente private in cui non filtra davvero nulla, il residente dell'Ile-de-France ha avuto il merito di segnare il miglior tempo della settimana con il tempo di 1'23"129. Niente di cui entusiasmarsi ma qualcosa di positivo da ricordare lo stesso.

« I tre giorni sono andati come previsto, confidò la persona interessata. Abbiamo fatto funzionare il piano e abbiamo provato quello che volevamo provare, quindi questa è la cosa più importante.

La performance in sé è stata molto buona. La mia guida è stata perfetta e finire con il miglior tempo è una buona cosa, ma questo non significa tutto, anche se è importante. In realtà è molto difficile perché hai tre set di gomme morbide e cinque di medie, quindi non c'è molto che puoi fare con quelle. Quindi come ottimizzarlo? »

Con il miglior piano di guida possibile. Pertanto, Isack Hadjar ha potuto lavorare sia su relè lunghi che brevi per raccogliere quanti più dati possibile. “ Per i relè brevi è abbastanza diretto, riassume. Per quanto riguarda le lunghe, ci piacerebbe avere più treni di gomme per provare cose diverse. Penso che abbiamo fatto un buon lavoro massimizzando le gomme che avevamo e siamo riusciti a far funzionare il piano. "

 

Vedi questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Isack Hadjar (@isackhadjar)

Cambio di approccio, feeling immediato

Ecco il Tricolore in piena forma per la ripresa contro l'Emilia-Romagna tra poco più di due settimane. Nei guai l'anno scorso per la sua stagione da rookie con l'Hitech GP, quella che Helmut Marko a volte chiama "la piccola". Prost » riacquistò colore emigrando in terra spagnola. Un ambiente nuovo in cui si è sentito subito meglio.

« Ti dà molta fiducia e ho avuto quella sensazione fin dal primo giorno con la squadra, ammette. Quando salgo in macchina combatto davanti, è un'ottima cosa per un pilota. Non è qualcosa che ho avuto l'anno scorso, quindi provare di nuovo quella sensazione è grandioso. Continuerò a lavorare, ma sono sicuro che lotterò nelle prime posizioni. Non c'è motivo per cui non dovrebbe essere così, abbiamo lavorato su tutti i circuiti e in tutte le condizioni, il che ci dà ancora più fiducia. » Un buon auspicio per il futuro, sicuramente per lui che sembra essere un candidato all'ascesa F1 nella Red Bull nel breve termine. Ovviamente a condizione che ottenga i risultati attesi dagli esperti austriaci...

LEGGI ANCHE > Isack Hadjar si prende la rivincita con la vittoria a Melbourne: “Era dura da accettare”

Gonzalo Forbes

Responsabile delle formule promozionali (F2, F3, FRECA, F4...). Portato dalla grazia di Franco Colapinto.

0 Visualizza commenti)

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

0 Commenti)

Scrivi una recensione