Sergio Pérez assicura di non avere alcuna clausola in caso di partenza di Marko o Horner

Interrogato sulla situazione contrattuale tra Max Verstappen e la Red Bull, Sergio Pérez ha detto di non avere una clausola di uscita nel suo contratto in caso di partenza di Christian Horner o Helmut Marko.

pubblicato 21/03/2024 à 07:23

Jeremy Satis

0 Visualizza commenti)

Sergio Pérez assicura di non avere alcuna clausola in caso di partenza di Marko o Horner

Sergio Pérez gli assicura che nel suo contratto non c'è alcuna clausola di uscita. ©DPPI

Tra il buon inizio di stagione segnato da due podi e il procrastinare sulla situazione contrattuale del compagno di squadra Max Verstappen, Sergio Pérez poteva finalmente guardare al 2025 con appetito, anche se qualche mese fa il messicano era stato quasi certo di perdere il posto al Red Bull in scadenza di contratto a fine 2024. Le sue rinnovate prestazioni (ancora lontane però dal compagno di squadra olandese) gli permettono di essere il migliore degli altri dopo il Bahrein, che è esattamente quello che ci si aspetta da lui alla Red Bull.

Il messicano ovviamente non ha il diritto di dirlo, ma la situazione attuale di inizio stagione in casa Red Bull potrebbe essergli di grande aiuto in vista delle prossime trattative per il prossimo anno. Se dovesse mantenere questo livello di prestazioni e Max Verstappen dovesse lasciare la Red Bull a fine stagione (cosa che non è del tutto da escludere), il team di Milton Keynes correrebbe davvero il rischio di cambiare i suoi due piloti a fine stagione? ? Questo sarebbe davvero piuttosto rischioso.

Sergio Pérez osserva attentamente la situazione in casa Red Bull

Mentre il tre volte campione del mondo in carica otteneva il mantenimento nella squadra del suo padre spirituale Helmut Marko, sullo sfondo del caso Christian Horner mentre l'austriaco era preoccupato soprattutto dalla sua dirigenza a causa della sua lingua troppo impicciona, alcune fonti hanno ha riferito di una probabile clausola di uscita che sarebbe stata aggiunta di recente al contratto dell'olandese per offrirgli un'uscita in caso di partenza di Helmut Marko. Una clausola aggiunta con l'aiuto dello stesso Helmut Marko. Un modo per mettere pressione in modo netto ai vertici della Red Bull.

Sotto contratto fino al 2028, Max Verstappen al momento non ha motivo di lasciare la sua squadra a livello sportivo, ma sappiamo che le convinzioni del clan Verstappen sono molto forti nella vita, e che Christian Horner rimanga nella sua posizione di team principal potrebbe avere delle conseguenze sul futuro sportivo del Bataviano. Mercedes appare già in agguato per cercare di approfittare del caos.

Interrogato sulle clausole in una conferenza stampa a Melbourne, Sergio Pérez ha spiegato di non essere preoccupato da questo artificio giuridico. "Non ho questa clausola, ha detto. Comunque non so quale clausola abbia Max nel suo contratto. Penso che sia meglio chiederglielo. Penso che Max abbia un contratto con la squadra e sia pienamente impegnato. Per il resto non credo spetti a me commentare. Mi concentro sulle mie decisioni, su quello che devo fare”.

Quanto alla questione se la squadra soffrirebbe per un'eventuale partenza di Super Max, Checo ha assicurato la sua comunicazione. “Penso che la squadra sia in una posizione molto forte grazie ai risultati che abbiamo attualmente e all’armonia che c’è nella squadra. In questo momento la dinamica è davvero buona e tutti i membri del team stanno lavorando molto bene insieme. Tutto il gruppo ingegneristico è davvero unito. Puoi vederlo in pista e vedere quanto siamo stati efficienti l'anno scorso. Quindi non vedo alcun motivo per cambiare. E sarebbe ovviamente un duro colpo per la squadra se Max dovesse andarsene. Un duro colpo per la squadra, ma non certo per Checo, sonoramente battuto ormai da tre stagioni dal ghiottone olandese…

LEGGI ANCHE > Verstappen, nel mirino la decima vittoria consecutiva

Jeremy Satis

Grande reporter di F1 e appassionato di formule promozionali

0 Visualizza commenti)