Cosa rende il circuito di Suzuka così speciale per i piloti?

Secondo diversi piloti intervistati prima del Gran Premio del Giappone dello scorso anno, la scarsità di deflussi di asfalto, il numero di curve veloci e la generalizzazione di altri circuiti di cattivo gusto conferiscono profondità al tracciato di Suzuka.

pubblicato 02/04/2024 à 10:57

Medhi Casaurang

3 Visualizza commenti)

Cosa rende il circuito di Suzuka così speciale per i piloti?

La famosa "S" nel primo settore del circuito di Suzuka. Foto DPPI/Xavi Bonilla

Il circuito di Suzuka (Giappone) è la Mecca degli sport motoristici nel Paese del Sol Levante fin dalla sua creazione nel 1962. La sua reputazione è ben consolidata, con esempi di coraggio e Gran Premi leggendari che si sono svolti lì fin dalla sua apparizione in calendario nel 1987. Ma ciò che rende il tracciato di 5,821 km così piacevole da percorrere? F1 attuale?

Intervistato l'anno scorso a Suzuka, Lando Norris (McLaren) indica il pericolo come fattore di esaltazione. “Il margine di errore è molto limitato. Le conseguenze sono terribili non appena si esce in qualsiasi punto del circuito. So che alcuni posti sono cambiati nel corso degli anni e ci sono molti più deflussi di asfalto, come la curva Spoon. »

La minima presenza di vie di fuga a Suzuka lascia la strada aperta a qualcosa di insolito sui circuiti 2.0: l'erba! “ Forse anche la curva 1, ma non è cambiata molto negli anni e penso che sia uno degli aspetti migliori di questo circuito. Non c'è solo asfalto ovunque, c'è ancora erba, c'è questo elemento di rischio, questo elemento di rischio, che è ancora autentico, che sembra ancora molto naturale e che sicuramente aggiunge valore alla gara. »

Se avesse scoperto la pista l'anno scorso nella vita reale, Oscar Piastri ha girato il tracciato giapponese sulle sue console per videogiochi, poi nel simulatore McLaren della fabbrica di Woking. “Penso che ogni circuito storico dove c’è un po’ più di rischio dia un aspetto un po’ più vecchio stile, lui analizza. In un certo senso mi ha ricordato i miei giorni da junior, su alcuni circuiti britannici, dove si danneggiano moltissimo se si esce di pista. Suzuka ha un bell'aspetto, ma immagino anche che si paghi di più se si commette un errore. »

Il suo manager, l'ex pilota di F1 eResistenza Anche Mark Webber gli aveva dato un buon consiglio. “Per preparare adeguatamente i muscoli del collo per il settore 1!” Anche il vento può svolgere un ruolo importante, soprattutto nelle curve ad alta velocità; è una gara lunga, con molte curve in cui si mette molto carico aerodinamico sulle gomme. Quindi sì, ci sono molte sfide. Ma il tuo collo è probabilmente uno dei più importanti. »

Questo aspetto di pericolosità, tutto sommato quando si parla di uno sport dove le velocità raggiunte sfidano le leggi della fisica in una ventina di Gran Premi all'anno, non è l'unica componente della particolarità di Suzuka. È soprattutto l'ammorbidimento del carattere dei circuiti moderni che ha contribuito ad aumentare il valore di Suzuka.

In effetti, le piste che emergono dal terreno dalla fine degli anni '1990 e dall'epoca dell'architetto Hermann Tilke sono sinonimo di immensi spazi di asfalto, di una moltiplicazione di curve strette (chicane, tornanti, curve ad angolo retto). Al contrario, Suzuka non è cambiata di una virgola e rimane fedele all'idea iniziale del suo creatore, Giovanni Hugenholtz (designer di Zolder, Jarama e Zandvoort, tante linee “di carattere”).

“In un circuito come quello di Singapore non ti senti proprio come se fossi alla guida di una vettura di Formula 1, Certificato Alex Albon. Mentre a Suzuka, la velocità nelle curve, il fatto che sia così stretto, così stretto, che ci sia erba su entrambi i lati, la sensazione di velocità è un po' più di quella che si ottiene, ad esempio, al Paul Ricard, quindi è molto speciale . »

LEGGI ANCHE > In casa Haas, il timore delle esse del primo settore in Giappone

Medhi Casaurang

Appassionato di storia del motorsport in tutte le discipline, ho imparato a leggere grazie ad AUTOhebdo. Almeno questo è quello che dicono a tutti i miei genitori quando vedono il mio nome all'interno!

3 Visualizza commenti)

Continua a leggere su questi argomenti:

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

3 Commenti)

Yves-Henri RANDIER

02/04/2024 alle 11:46

Speriamo che Liberty Media, attratta dal guadagno di dollari, non voglia sostituire il giudice di pace di Suzuka con una puttana... della Tilkerie urbana di Tokyo o Osaka!!

Y

YVES CHAMPOD

02/04/2024 alle 11:20

Pensieri per Jules Bianchi!

22/09/2023 alle 09:59

Fortunatamente, Suzuka non è una creazione "Tilkesque" di cattivo gusto con enormi tratti di asfalto e numerose curve strette. Grazie a John Hungenholtz per questo giudice di pace giapponese, autore anche di uno Zandvoort recentemente aggiornato in attesa forse di un Jarama modernizzato (a differenza di Zolder che non può combattere con Spa)!

1

Scrivi una recensione