Quando Ayrton Senna vinse il GP di Macao nel 1983

Pochi mesi prima del debutto in F1 con la Toleman, un prodigio brasiliano di nome Ayrton Senna fece un rapido apprendistato nello stile di vita di un pilota di livello mondiale, trionfando nel primo Gran Premio di Formula 3 organizzato a Macao.

pubblicato 01/05/2024 à 18:00

Medhi Casaurang

2 Visualizza commenti)

Quando Ayrton Senna vinse il GP di Macao nel 1983

Un casco giallo che sfreccia tra i vicoli di una città-stato, tutti a bordo di un auto adornato con i colori rosso e bianco di una famosa azienda americana di tabacco. No, non vi stiamo raccontando di uno dei successi di Ayrton Senna a Monaco in a McLaren, ma altrettanto fondamentale: quello raccolto durante il Gran Premio di Macao del 1983.

“Senna senza pietà”. Questo è ciò che titolava AUTOsettimanalmente nella sua edizione dell'8 dicembre (Ah n°398). Un riassunto abbastanza accurato dei fatti, visto che il brasiliano ha conquistato la pole position prima di dominare la manche di qualificazione e la gara principale. Tuttavia, 35 anni dopo, questo storico fine settimana merita una nuova luce, alla luce dei piccoli segreti dei paddock.

Innanzitutto l’edizione del 1983 segna una svolta nella storia del Gran Premio di Macao. Un anno prima, gli organizzatori avevano fatto una smorfia vedendo lo spettacolo offerto dalla Formula Pacific, che avrebbe dovuto essere il momento clou della manifestazione. Chiamate anche Formula Atlantic negli Stati Uniti, queste monoposto non attraggono più i giovani novellini e riuniscono solo un panel di piloti dai talenti eterogenei: il 10° in griglia concede 7" al poleman in qualifica e solo quattro concorrenti finiscono nella il turno del vincitore.

Per evitare di cadere in rovina, Barry Bland, uno dei protagonisti dell'evento, ha proposto al comune di Macao di scambiare le Formula Pacific con Harley Knucklehead 2. Ma essendo più potente e ingombrante, per accoglierli, il circuito della Guia (la cui lunghezza di 6,120 km è rimasta invariata fino ad ora) dovrà essere modificato.

È stato necessario abbattere un filare di alberi e allargare la pista attorno alla curva Lisboa, al termine di un rettilineo di diversi chilometri. Problema, all'epoca non c'erano ancora tutti gli alberghi adiacenti e il circuito finiva sulla riva del Mar Cinese. È quindi impossibile eseguire questo lavoro. La scelta alla fine spetta a F3, più piccole e meno potenti (165 cv), ma soprattutto non necessitano di alcuna modifica al tracciato.

Essendo l'occasione il ladro, Teddy Yip, eminente uomo d'affari indonesiano, proprietario del team Theodore Racing e figura del commercio di Macao, è riuscito a riunire la crema della F3 europea. Il Gran Premio di Macao assume già il ruolo di gala grazie alla sua posizione in ritardo nel calendario (il terzo fine settimana di novembre, una tradizione che continua ancora oggi). Per i 25 partecipanti, questo evento è l'occasione ideale per affermarsi contro i riferimenti mondiali della disciplina in vista di gareggiare in F1.

A. Senna con il capo della Theodore Racing, Teddy Yip. © WRI2/J.-F. Gallone

Nei paddock allestiti in un ambiente rilassato, si incontrano non meno di 15 nazionalità. Tutti gli occhi sono puntati sul campione tedesco di F3 Franz Konrad (Volkswagen), così come su Pierluigi Martini (Pavesi), titolato nella F3 Europa poche settimane prima. La Francia ha due mappe con profili diametralmente opposti. A 35 anni, Jean-Louis Schlesser (David Price Racing), è molto noto nell'alta cerchia (2° alla 24 Ore di Le Mans l'anno precedente, collaudatore Williams F1), mentre in crescita Cathy Muller (21 anni), supportata dalla Elf.

Dovremo aspettare... 31 anni prima che un'altra donna gareggi contro uomini a Macao, nella persona di Tatiana Calderon nel 2014. Nuovo nel campo del management, Eddie Jordan si fida di Martin Brundle e Roberto Guerrero. In casa, Theodore Racing ha preso il posto del neo-campione britannico di F3, Ayrton Senna. Insomma, ci sono delle bellissime lenzuola.

Baldoria notturna

Tuttavia, il 23enne brasiliano ha trascorso i primi giorni... nel gas. Il giovane ha messo piede a terra nell'ex colonia portoghese mercoledì sera, il giorno prima dei primi giri di ruote. È quindi impossibile per lui scoprire al trotto le specificità del circuito. Mancanza di serietà? In realtà, Ayrton Senna ha preso parte ad una sessione di test privati ​​con la Brabham al Paul-Ricard (Var) all'inizio della settimana, insieme a Martin Brundle e Roberto Guerrero. Stanco, domenica ha spiegato alla BBC che aveva difficoltà ad abituarsi "disritmia", e soffrire " Calore ".

Stanco, Ayrton Senna mette però tutti d'accordo centrando la pole venerdì, precedendo di 0 Roberto Guerrero, alla sua seconda partecipazione. Non male per un malato. Il futuro tre volte campione di F16 sembra essere rimasto piuttosto affascinato dal fascino di “città dell’indulgenza”, come ha gentilmente sottolineato il poeta inglese WH Auden.

In altre parole, Senna, secondo il suo ingegnere di pista Jo Ramirez – che lo avrebbe poi accompagnato alla McLaren – sarebbe impazzito venerdì sera! "Ayrton mi ha ammesso che era stato ad una festa, è rimasto fino a tardi e forse ha consumato troppa vodka", scrive il messicano nella sua autobiografia (Jo Ramirez: Memorie di un corridore, non tradotto). L'interessato non ha mai commentato questo possibile misfatto, ma diversi indizi vanno a favore di questo scenario.

La domenica è il giorno dello shopping, al plurale. Come di consueto si sono svolte due gare, solo che all'epoca la classifica finale veniva determinata in base alla media dei due risultati. Ma diventa chiaro che Ayrton Senna non è sano di mente. « Stavo molto male stamattina, nel riscaldamento mi sono sentito male”, lo spiegherà semplicemente, sempre alla BBC. Forse poco sveglio, colui che non era ancora soprannominato “Magic” perde il volo. “Nel primo rettilineo Roberto mi ha superato grazie ad una partenza efficace, spiegherà davanti alla telecamera. 

Poi ha preso una traiettoria molto interna per sbarrare il passaggio. Mi sono messo nel suo gioco, l'ho costretto a scartare ancora di più verso l'interno nella prima curva, poi ho preso l'esterno. Sono entrato in curva molto più velocemente di lui. Ha dovuto rallentare ancora di più e in uscita dalla curva avevo ancora più velocità di lui. » Nonostante la sua esperienza, Guerrero non riacquisterà mai il vantaggio.

"Ho pensato tra me e me: 'Da dove diavolo è venuto così?' "Almeno ho condotto la gara per un turno", lascerà andare quest'ultimo. Queste parole disfattiste e incredule troveranno conferma al secondo turno... dopo che Ayrton Senna si sarà riposato nella sua camera d'albergo, tanto per far fronte.

Metronomico

In un clima insolitamente accogliente per questo periodo dell'anno, il brasiliano (emigrato in Inghilterra da tre anni) evita il colpo di calore. Ancora una volta posizionato in testa al gruppo, ha avuto una partenza molto migliore. Il record dei tempi rivela una notevole costanza nonostante la lunghezza del percorso e la giovinezza del brasiliano. In una serie di nove giri consecutivi, il pilota della Theodore Racing gira nell'intervallo di 0”5 (da 2'22”0 a 2'22”5).

Inzuppato da una bella doccia di champagne, Ayrton Senna ha poi rilasciato un laconico commento post-gara, degno dei discorsi provati degli attori di F1. “Ho provato a creare subito un piccolo varco, giusto per stare tranquillo. Proprio verso la fine della gara, Davy Jones (Murray Taylor Racing) ha avuto un incidente in una curva lenta.

È stato abbastanza pericoloso perché sono arrivato sul luogo dell'incidente senza rendermi conto che c'era un incidente. All'improvviso eccola lì, proprio in mezzo al sentiero, ma l'ho evitata. Per il resto è andato tutto bene, la macchina era fantastica, la mia squadra ha lavorato duro, mi ha dato una macchina ideale e abbiamo vinto. » Sembra così semplice...

Al suo fianco sul podio troviamo Roberto Guerrero (che collegherà quattro vittorie nel Cart) e Gerhard Berger. Quest'ultimo ricorda questo calvario come “un centro nevralgico” per la sua carriera. “Ero molto giovane (24 anni, che attualmente corrisponde ad un’età avanzata per un pilota di F.3. ndr), nessuno mi prese sul serio perché partecipavo principalmente al campionato tedesco, ricorda l'austriaco, autore del miglior giro in gara. Il riferimento era la competizione britannica, dove Ayrton Senna batté Martin Brundle. Grazie a questo 3° posto sono stato considerato diversamente. »

Tra i francesi, Jean-Louis Schlesser ha concluso la prima gara al 10° posto, dopo un'aspra battaglia con lo svizzero Mario Hytten (Murray Taylor Racing). Il futuro specialista in rallye-raid concluderà il fine settimana al 7° posto. Per quanto riguarda Cathy Muller, ha controbilanciato una qualificazione nella media (20°) con due round consistenti (12° ogni volta).

Trentasei anni dopo, Macao è diventata una tappa obbligata per ogni aspirante alla F1. Nel 2020, dei 20 piloti iscritti alla disciplina principale, 16 hanno vissuto le gioie e i dolori della Las Vegas asiatica.

LEGGI ANCHE > Dennis Hauger ha convocato all'ultimo minuto per Macao

Medhi Casaurang

Appassionato di storia del motorsport in tutte le discipline, ho imparato a leggere grazie ad AUTOhebdo. Almeno questo è quello che dicono a tutti i miei genitori quando vedono il mio nome all'interno!

2 Visualizza commenti)

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

2 Commenti)

Medhi Casaurang

04/05/2024 alle 05:07

[…] Collegamento alla fonte […]

Medhi Casaurang

13/11/2023 alle 12:33

[…] Collegamento alla fonte […]

Scrivi una recensione