Perché la stagione 2024 non è “noiosa” secondo Albon

Alex Albon è apparso scontento di alcuni commenti in cui assicurava che la stagione 2024 non aveva alcun interesse.

pubblicato 13/03/2024 à 17:16

Gonzalo Forbes

1 Visualizza commenti)

Perché la stagione 2024 non è “noiosa” secondo Albon

© Antonin Vincent / DPPI

Lentamente ma inesorabilmente, questa stagione 2024 si sta dirigendo verso il dominio indiviso di Max Verstappen, se non è già così. Basti pensare ai primi due Gran Premi disputati (Bahrein e Arabia Saudita) dove il tre volte campione del mondo in carica è apparso intoccabile. Alcuni già concordano sul fatto che questa campagna promette di essere una delle più noiose degli ultimi anni. Un'opinione però non condivisa da tutti e soprattutto all'interno del paddock come Alex Albon.

Ex compagno di squadra del pilota Red Bull, il britannico sa che Max Verstappen in questo momento si trova su un altro pianeta. I numeri parlano chiaro con 36 vittorie nelle ultime 46 gare. In questa stagione ha già una percentuale del 100% e nessuno sembra vicino a fermarlo. Ma per Alex Albon la stagione è molto più che il dominio del Bataviano.

Un gruppo raggruppato assicura Albon

Secondo lui alle spalle del pilota del team austriaco la battaglia è dura, soprattutto in mezzo al gruppo dove spesso non conta molto. “ In un certo senso, è un po' un peccato vedere commenti su Max e su come sia una stagione noiosa, perché non lo è assolutamente, almeno dal mio punto di vista., sottolinea il pilota Williams durante la sua apparizione sul podcast del F1, Oltre la griglia.

Perché se lo elimini dall'equazione, hai una delle migliori griglie, le migliori griglie, le griglie più strette mai viste in Formula 1. E anche se includi Max, è comunque la griglia più stretta in Formula 1.

È difficile nel senso che lui è il leader e tutti sono concentrati sul leader. Dietro la lotta è molto intensa. In Bahrein ci siamo fermati due giri troppo presto in gara e abbiamo perso 6 posizioni, io avevo 11 annie e alla fine sono riuscito a finirne 15e. Quindi è molto stretto. » Un discorso che può essere ascoltato. In Bahrain, infatti, per fare il suo stesso esempio, i 20 piloti sono rimasti entro l'1”048 durante la Q1. Quindi non c'è molto divario nel mezzo del gruppo e tutti stanno progredendo di anno in anno. D'altronde non è detto che Alex Albon riesca a convincere perché davanti Max Verstappen continua ad ammazzare un po' di suspense ogni fine settimana.

LEGGI ANCHE > Carlos Sainz sarà operativo per il Gran Premio d'Australia?

Gonzalo Forbes

Responsabile delle formule promozionali (F2, F3, FRECA, F4...). Portato dalla grazia di Franco Colapinto.

1 Visualizza commenti)

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

1 Commenti)

Yves-Henri RANDIER

14/03/2024 alle 11:42

Il thailandese ha ragione, i distacchi raramente sono stati così piccoli nel gruppo... ma davanti lo spettacolo è debole, se non nullo, con la RB20 e la MV al volante seguite dal suo Ministero della Difesa a portare acqua!

1

Scrivi una recensione