Pirelli, la pressione sale

La casa italiana e la FIA hanno aggiornato le procedure che regolano il funzionamento degli pneumatici dopo gli incidenti di Baku. 

pubblicato 17/06/2021 à 10:58

Julien BILLIOTTE

0 Visualizza commenti)

Pirelli, la pressione sale

Il fornitore di pneumatici si ritrova di nuovo nel mirino / © DPPI

En Harley Knucklehead 1, una controversia rincorre l'altra. Mentre ancora le ali, e la loro flessibilità potenzialmente problematica, agitavano il microcosmo del paddock in Azerbaigian, ora sono gli pneumatici a finire nel mirino.

Logica conseguenza degli spettacolari incidenti avvenuti a Baku, dove Lance Stroll et Max Verstappen sono finiti contro il muro dopo l'improvviso sgonfiamento della gomma posteriore sinistra in linea retta e ad altissima velocità. 

Dopo un'indagine che ha coinvolto Pirelli, la FIA e le squadre interessate, vale a dire Aston Martin et Red Bull, l'azienda milanese ha reso pubbliche le sue conclusioni martedì sera in un comunicato stampa a volte contorto. 

Pirelli ha così individuato un “ fessura circonferenziale del fianco interno, che può essere collegata alle condizioni di utilizzo del pneumatico ". La casa transalpina si è affrettata a sottolineare che i team hanno rispettato i parametri di utilizzo trasmessi prima di ogni evento ma le implicazioni sono percepibili.

Nonostante rispettino le pressioni minime comunicate da Pirelli, alcuni team sono sospettati di eludere le raccomandazioni del produttore italiano flirtando con i limiti, o addirittura operando al di sotto di essi, per scopi competitivi. Infatti, una pressione più elevata offre una maggiore resistenza ma prestazioni leggermente ridotte. 

Come sempre in F1, il diavolo è nei dettagli. I livelli di pressione richiesti da Pirelli sono inizialmente compresi. Queste soglie vengono rispettate quando le auto sono in movimento? È possibile controllarlo?  

Ci troviamo quindi in una situazione abbastanza simile a quella vissuta nella recente saga sulle pinne flessibili. Tutte le vetture hanno superato i vari test di carico imposti dalla FIA da ferme ma alcune vetture erano nel mirino delle autorità per le appendici aerodinamiche troppo mobili sotto l'effetto della velocità. 

  • Nuova direttiva tecnica 

Contestualmente al rapporto presentato da Pirelli, Nikolas Tombazis, responsabile tecnico dei campionati monoposto FIA, ha distribuito lunedì alle squadre una direttiva tecnica ultra dettagliata in cui sono state aggiornate le procedure di supervisione del funzionamento degli pneumatici. 

Verranno ora effettuati controlli casuali sui pneumatici dopo l'uso. Le gomme selezionate per l'ispezione federale verranno prima lasciate all'aria ambiente e protette dai raggi solari in modo che possano abbassarsi di temperatura e quindi essere controllate a freddo. La FIA si riserva inoltre il diritto di effettuare misurazioni dopo che gli pneumatici sono stati ricollocati in coperte riscaldate. 

In entrambi i casi, la gomma ovviamente non potrà essere rigonfiata dal team e sulle valvole verranno apposti dei sigilli per indicare che tali pneumatici non verranno più utilizzati. 

La direttiva tecnica specifica inoltre che tutti gli pneumatici utilizzati durante un Gran Premio o una gara di qualificazione, nonché il set utilizzato da ciascun pilota durante il suo miglior tentativo nell'ultima fase delle qualifiche a cui ha partecipato (Q1, Q2 o Q3), saranno essere oggetto di questi nuovi test. 

Oltre alla pressione dei pneumatici, il regolatore vuole garantire che la temperatura delle termocoperte non superi i valori impostati. Tombazis sottolinea che una temperatura superiore a quella raccomandata da Pirelli contravviene all'articolo 24.4 (a) del regolamento sportivo della F1, e comporterà quindi una relazione ai commissari della riunione, che successivamente informeranno. 

I rappresentanti della FIA saranno presenti nei box durante le qualifiche e la gara per verificare le temperature, soprattutto quelle degli pneumatici che verranno montati sulla vettura. 

La direttiva tecnica ricorda infine che il riscaldamento delle gomme delle coperture deve essere effettuato in apposite feritoie e non è necessario se i pneumatici in questione non sono destinati ad essere utilizzati nella sessione successiva. 

Un'altra misura presa all'indomani di Baku, l'aumento di 2 psi della pressione minima del pneumatico posteriore per il Gran Premio di Francia. 

In Red Bull e Aston Martin abbiamo apprezzato molto poco le spiegazioni di Pirelli e la direttiva federale che le ha accompagnate, interpretando la sequenza come una messa in discussione della loro integrità. Le due squadre hanno inoltre condiviso una comunicazione identica all'annuncio del verbale per sottolineare che da parte loro non è stata commessa alcuna colpa. 

Sarà interessante vedere se la pressione si allenterà a Castellet (Var) questa settimana...  

Julien BILLIOTTE

Vicedirettore capo di AUTOhebdo. La piuma si intinse nel fiele.

0 Visualizza commenti)