Punto in Bahrain, Tsunoda brilla in Arabia Saudita

Sconvolto dalle indicazioni della squadra a favore di Daniel Ricciardo in Bahrain, Yuki Tsunoda ha risposto nel miglior modo possibile nelle qualifiche di Jeddah.

pubblicato 09/03/2024 à 09:20

Gonzalo Forbes

0 Visualizza commenti)

Punto in Bahrain, Tsunoda brilla in Arabia Saudita

Non c'era bisogno di scaldare Yuki! © Antonin Vincent / DPPI

Lo abbiamo lasciato arrabbiato, sul punto di salire in macchina Daniel Ricciardo nel giro di decelerazione dopo aver messo i freni proprio davanti a lui. In Bahrein, Yuki tsunoda non si è accontentato di esprimere, come al solito, la sua rabbia alla radio. Insoddisfatto delle istruzioni della squadra che gli chiedevano di lasciar passare il suo compagno di squadra a fine gara, il giapponese non ha esitato a usare la forza per lanciare a sua volta un messaggio.

Gesti che non vanno più bene all'interno come sul web dove la Nippon, spesso protetta dagli internauti, questa volta è stata un po' incriminata per le sue azioni immature. Arrivato in Arabia Saudita questa settimana per il secondo round della stagione, il pilota della RB ha ammesso la sua rabbia ammettendo che ha bisogno di cambiare. “ Ne abbiamo parlato dopo la gara con la squadra, ha confidato. Siamo sulla stessa pagina. In quel momento ero ovviamente frustrato, ma capivo cosa c’era dietro. Non è stata una gara facile (...) So che devo migliorare il controllo delle mie emozioni. Se lo faccio di nuovo mi causerà problemi. Devo migliorarlo drasticamente. E non solo un po'. "

Tsunoda, la risposta in pista

Quindi cosa potrebbe esserci di meglio della pista per mostrare alla tua squadra la tua motivazione a cambiare in modo che possano fidarsi di te? Nient'altro sicuramente. Meno male, Yuki Tsunoda non ha perso l'occasione all'inizio del weekend saudita.

Se in Bahrain la strategia della RB è andata a vantaggio di Daniel Ricciardo, a Jeddah la storia potrebbe essere ben diversa perché il giapponese è apparso in ottima forma, dominando notevolmente il suo vicino nel box. Lo si è visto in qualifica quando l’australiano non è andato lontano dall’eliminazione in Q1 (0“114 di margine solo su Valtteri Bottas, primo eliminato) prima di non fare meglio di 14e nel secondo trimestre. Solo Nico Hulkenberg, colpito da un problema tecnico, ha fatto peggio di lui.

Nel frattempo, Yuki Tsunoda è sempre rimasto nella Top 10 e ha disputato la sua prima Q3 della stagione, prendendo più di 4 decimi e mezzo da Honey Badger in Q2. La prova che i giapponesi hanno qualcosa al loro attivo.

« Ce l'abbiamo fatta, esultò. Sono molto felice oggi. La squadra ha fatto un lavoro fantastico mettendomi a disposizione una buona macchina e mi sono divertito, quindi un grande grazie a tutti. Ci aspettavamo che fosse difficile, ma mi sono concentrato su me stesso per ottenere il massimo delle prestazioni dalla macchina, e sono felice di essere riuscito a mettere insieme tutto. Questo è il primo terzo trimestre dell’anno e ci dà ulteriore fiducia per il futuro. » Sperando che questo risultato giochi a suo favore quando la squadra attuerà la strategia, perché in pista è Yuki Tsunoda ad apparire come il più forte dei tori junior.

LEGGI ANCHE > E ora tocca a Helmut Marko essere indagato alla Red Bull?

Gonzalo Forbes

Responsabile delle formule promozionali (F2, F3, FRECA, F4...). Portato dalla grazia di Franco Colapinto.

0 Visualizza commenti)