Nuovi sospetti contro Mohammed Ben Sulayem

Già accusato di essere intervenuto a favore di Fernando Alonso durante il Gran Premio dell'Arabia Saudita dello scorso anno, Mohammed Ben Sulayem avrebbe anche forse cercato di impedire l'omologazione del circuito di Las Vegas nel 2023, in un contesto di tensioni e scontri politici con il promotore .

pubblicato 06/03/2024 à 09:56

Jeremy Satis

4 Visualizza commenti)

Nuovi sospetti contro Mohammed Ben Sulayem

Il presidente Ben Sulayem è nell’occhio del ciclone. ©DPPI

Christian Horner forse potrà riprendere a respirare. Se non è ancora del tutto fuori pericolo dopo l'intervista al vetriolo rilasciata da Jos Verstappen Alla stampa britannica in cui l'olandese chiedeva la sua testa, il 50enne manager britannico ha tuttavia visto lentamente ma inesorabilmente i riflettori e gli sguardi indiscreti del paddock concentrarsi gradualmente su un altro uomo, Mohammed Ben Sulayem.

Già all'inizio della settimana, i media britannici BBC avevano rivelato che Mohammed Ben Sulayem, presidente della Fédération Internationale de l'Automobile (FIA), era sotto inchiesta per presunta interferenza nel risultato del Gran Premio dell'Arabia Saudita 2023. Il leader emiratino è infatti accusato di essere intervenuto personalmente per annullare una sanzione inflittagli Fernando Alonso a Gedda.

Due presunti casi in 24 ore contro Ben Sulayem

All'epoca lo spagnolo ricevette una prima penalità di cinque secondi per aver posizionato in maniera errata la sua auto sulla griglia di partenza. Questa prima penalità è stata scontata durante il suo primo pit stop, ma al due volte campione è stata poi inflitta una seconda penalità di 10 secondi dopo l'arrivo poiché gli steward hanno stabilito cheAston Martin aveva toccato la vettura al momento dell'applicazione della prima sanzione, cosa vietata.

Ben Sulayem è accusato di aver chiamato lo sceicco Abdullah bin Hamad bin Isa Al Khalifa, vicepresidente della FIA per gli sport motoristici in Medio Oriente e Nord Africa e che era presente in veste ufficiale al GP di Arabia Saudita 2023, facendogli capire che pensava che Alonso la sanzione dovrebbe essere annullata. Un'ingerenza totalmente vietata che suscita molti sospetti, dal momento che lo sponsor principale dell'Aston Martin (e dei Harley Knucklehead 1) non è altro che Aramco, la più grande compagnia petrolifera dell'Arabia Saudita…

Mohammed Ben Sulayem – Presidente della Federazione Internazionale dell'Automobile © Jun Qian

Ventiquattr'ore dopo, la BBC lo ha fatto di nuovo rivelando una nuova potenziale relazione. Si tratta di un nuovo presunto interventismo del successore di Jean Todt. Gli Emirati, protagonisti di una lotta per l'influenza e di un conflitto aperto tra FIA e FOM, avrebbero esercitato pressioni sui funzionari affinché il nuovo circuito cittadino di Las Vegas non ottenesse la sua approvazione, e quindi il Gran Premio di Las Vegas, il primo nella storia ad essere promosso dalla stessa Formula 1, non vide la luce.

La FIA ha parlato

A denunciare la vicenda è stato un informatore anonimo che ha spiegato che gli era stato chiesto, su ordine del presidente della FIA, di non dare il via libera all'approvazione del circuito di Las Vegas, poiché gli Emirati avrebbero incaricato i funzionari di individuare i problemi sul percorso in modo tale da non ottenere l'approvazione, anche se alla fine non fossero state constatate irregolarità. Da notare che gli elementi forniti dall'informatore segreto della BBC proverrebbero da un rapporto scritto, redatto dal comitato etico della FIA.

Il legislatore ha inoltre confermato martedì di aver ricevuto una relazione dettagliata “potenziali accuse che coinvolgono alcuni membri dei suoi organi di gestione” tutto in “valutare queste preoccupazioni”. Ricordiamo che Mohammed Ben Sulayem e il promotore si sono pubblicamente opposti su numerose questioni negli ultimi anni, a cominciare da quello dell'apertura della griglia ad un 11° team, in questo caso Andretti, che la FIA ha accettato ma ha rifiutato la F1, ritenendo che la struttura americana non offriva un valore aggiunto sufficiente.

In un momento in cui la F1 non è mai stata così popolare come nelle ultime tre stagioni, la litania della pista, per quanto dolorosa, non dovrebbe avvenire pochi giorni dopo una nuova dimostrazione sportiva del duo Red Bull-Verstappen in Bahrein, non è soppiantato da vicende di ogni genere che screditerebbero ulteriormente la F1 e il suo ambiente... È ora che si parli di nuovo di Formula 1 e un po' meno delle presunte devianze dei suoi protagonisti...

LEGGI ANCHE > Ben Sulayem sotto inchiesta per "presunta interferenza" durante il GP di Arabia Saudita 2023

Jeremy Satis

Grande reporter di F1 e appassionato di formule promozionali

4 Visualizza commenti)

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

4 Commenti)

E

Eric Stevens

07/03/2024 alle 10:16

il peggio è che ci sono state critiche sul circuito di Las Vegas (tombino) e gli emissari del grande magna se ne sono accorti! dimostra l'incompetenza generalizzata di questi strapagati (ma tutti quelli che non ne fanno parte sognano di prenderne il posto) e che i soldi non fanno intelligenti (è addirittura il contrario per esperienza) ma è anche rassicurante vedere che in questi famosi paesi emergenti che sono già emersi, non siamo più capaci che in Francia e questo ci dà una possibilità. non devi più essere migliore ma meno cattivo! che bel momento!

R

RENE BOZEC

06/03/2024 alle 12:54

Un informatore anonimo avrebbe sentito che forse... Siamo messi alla berlina senza prove dai social network o dai venditori di F1. Todt aveva gente sua in tutta la FIA, non MBS che convive e non ha solo amici.

2

Yves-Henri RANDIER

06/03/2024 alle 11:11

Se ciò fosse dimostrato, che vergogna per la FIA!! È possibile revocare MBS? Una cosa è certa, l'integrità di Jean TODT non è mai stata messa in discussione durante i suoi mandati alla guida della FIA, né quella di Max MOSLEY nonostante la morale discutibile!

1

Y

YVES CHAMPOD

06/03/2024 alle 10:00

Non c'erano tante storie "losche" quando Jean TODT era presidente della FIA, curioso lo stesso! ? !

2

Scrivi una recensione