Max Verstappen calma le cose con la Mercedes e calma la situazione con la Red Bull

Inviato alla Mercedes da Radio Paddock a partire dalla prossima stagione, Max Verstappen ha invece smentito e confermato di non avere alcun motivo per lasciare la Red Bull. Ha anche insistito nel dire che preferiva concentrarsi sulla pista, invocando un ambiente più tranquillo.

pubblicato 07/03/2024 à 13:16

Jeremy Satis

0 Visualizza commenti)

Max Verstappen calma le cose con la Mercedes e calma la situazione con la Red Bull

Max Verstappen ha finalmente parlato. © Frédéric Le Floc'h / DPPI

È lui a cui attribuiamo potenziali desideri di esilio Mercedes, ma era l'unico che non avevamo ancora sentito su questo argomento. Sportivamente, Max Verstappen è in una situazione da sogno, con tre titoli di campione del mondo consecutivi al suo attivo e un'auto ultra dominante a sua disposizione, che dovrebbe permettergli di puntare al quarto posto senza mettere a dura prova il suo immenso talento.

Fuori pista, però, la sua posizione non è semplice. Mentre il suo team principal Christian Horner è impantanato nel mezzo di una crisi morale (diventata politica), l'olandese cammina in bilico su un filo sopra il vuoto, tra i suoi desideri di un contesto tranquillo e favorevole alla prestazione Red Bull, e lo tsunami creato dalle sconvolgenti dichiarazioni di suo padre che chiedeva la partenza di Christian Horner.

Max Verstappen, tra due acque

Il britannico, accusato di comportamenti inappropriati di natura sessuale nei confronti della sua assistente personale, è stato scagionato dall'indagine interna condotta da un avvocato specializzato, ma la denunciante non avrebbe detto l'ultima parola e il padre di Max Verstappen, senza l'accusa Sapendo perfettamente perché, ha chiesto pubblicamente la testa del capo di suo figlio, anche se ciò significava allo stesso tempo far pendere la partenza dei suoi figli alla Mercedes, per fare pressione sui decisori tailandesi della Red Bull.

In mezzo a tutto questo è difficile trovare il suo posto per Max Verstappen. Il bataviano non ha voluto sostenere pubblicamente Horner in Bahrein, ma dopo la vittoria ha giocato il gioco degli abbracci. Cresciuto nel modo più duro da un padre che aveva già pianificato tutto per lui, è soprattutto impossibile che si metta sulla sua strada. “Ci parliamo continuamente con mio padre, ha confidato nel paddock di Jeddah. Siamo una squadra, io, mio ​​padre e Raymond Vermueulen (il suo manager) tutti insieme. E sarà sempre così”. 

Invitato a parlare della salata intervista rilasciata da suo padre al Daily Mail lo scorso fine settimana, Super Max ha continuato a fare il funambolo. "Penso che sia quello che ha sentito, ha semplicemente sbottato. Da parte mia non importa se sto da una parte o dall'altra... ovviamente, essendo figlio di mio padre, sarebbe strano stare da un'altra parte rispetto alla sua. Ma da parte mia, voglio concentrarmi solo sull’aspetto prestazionale e voglio parlare meno di ciò che facciamo come squadra fuori dal circuito, e di più della prestazione effettiva che, finora, è eccellente. Ci aspettiamo un grande anno”.

Verstappen Red Bull

Max Verstappen può davvero lasciare la Red Bull? ©DPPI

Mentre voci di partenza dalla Mercedes, supportate da discussioni appena nascoste tra Jos Verstappen e Toto Wolff, sembrano più esche per far credere ai vertici della Red Bull che Max possa fare le valigie, Max ha messo da parte le domande più imbarazzanti legate al futuro di Horner. "Siamo nella stessa squadra in questo momento." ha detto quando gli è stato chiesto della possibilità di un futuro insieme a Horner alla Red Bull.

Concentrato sull'atleta mentre la stagione è iniziata alla grande con un sublime Grande Slam di successo in Bahrain, l'olandese ha semplicemente espresso i suoi desideri “un ambiente tranquillo”, spegnendo gli incendi più accesi, ben consapevole che queste vicende extra-sportive potrebbero finire per incidere sulla sua stagione sportiva. In sostanza, arrivare fino alla scadenza del contratto nel 2028 ha “è sempre stata la sua intenzione., scivolando che non aveva motivo di andarsene finché la Red Bull si stava comportando bene, insieme al tradizionale "Non lo sapremo mai".

Mentre si ritiene che abbia timori anche sul livello di prestazioni del futuro motore della Red Bull 2026, che la squadra costruirà da zero e non più da un'unità Honda, Max Verstappen ha lasciato intendere che era impossibile per chiunque sapere quale squadra avrebbero capito bene o no il loro motore e che si fidavano del processo. Almeno per ora.

LEGGI ANCHE > Max Verstappen alla Mercedes, tra fantasia e realtà

Jeremy Satis

Grande reporter di F1 e appassionato di formule promozionali

0 Visualizza commenti)