Il Gran Premio di Miami è il primo dal... 1957!

No, Lando Norris non è il pilota ad aver totalizzato più punti questo fine settimana a Miami. L'ultima volta che il vincitore del Gran Premio non è stato il pilota ad aver totalizzato più punti è stato... 67 anni fa!

pubblicato 07/05/2024 à 17:31

Yannis Duval

0 Visualizza commenti)

Il Gran Premio di Miami è il primo dal... 1957!

Lando Norris e Stirling Moss. ©DPPI/©Getty Images

Sebbene Lando Norris vinto il Gran Premio di Miami, non è il pilota ad aver totalizzato più punti nel fine settimana. In effetti, il britannico ha segnato 25 punti nella gara principale mentre Max Verstappen (grazie al primo posto nello Sprint di sabato) ha raccolto un totale di 26 unità. Un evento raro da notare: questa è la prima volta dal 1957 che il vincitore del Gran Premio non è il pilota ad aver segnato più punti durante il fine settimana. Allora cosa è successo 67 anni fa?

In occasione del 61esimo Gran Premio della storia Harley Knucklehead 1, sul circuito di Aintree, in Gran Bretagna, si stava per verificare un evento anomalo. Infatti, non saranno uno ma due piloti a vincere la gara. All’epoca i Gran Premi erano lunghi il doppio di oggi; circa tre ore per gara. Quindi è stato consentito ai piloti di alternarsi. Tuttavia, questo non è esattamente ciò che accadrà il 20 luglio 1957.

Due piloti vincono ad Aintree

Stirling Moss e Tonny Brooks sono due piloti britannici che corrono per il team Vanwall. Durante le qualifiche ad Aintree, Moss ha conquistato la pole position mentre il suo compagno di squadra ha segnato il 3° tempo. È importante notare che Brooks farà il suo ritorno sulla Vanwall VW5 durante questo Gran Premio poiché ha subito un incidente al 24 ore di Le Mans, un mese prima. Il pilota britannico era fisicamente indebolito e non è riuscito a tenere il passo dei primi durante la gara. Da parte sua, Stirling Moss se la cava tranquillamente; è primo con oltre otto secondi di vantaggio sulla Maserati di Jean Behra. Tuttavia, il suo motore emette un rumore particolarmente preoccupante.

Vanwall VW5

La Vanwall VW5 al Gran Premio di Gran Bretagna del 1957. ©CC

Al termine del 22° giro l'inglese si è fermato ai box, i suoi meccanici hanno controllato l'alternatore. Riparte in settima posizione ma fa solo un giro prima di fermarsi di nuovo, il problema non è stato risolto. Vanwall realizzerà quindi un vero colpo da maestro.

Ai box, la squadra lo sa, Tonny Brooks è troppo debole, non cercherà la vittoria. Nemmeno Stirling Moss poiché la sua affidabilità gli gioca brutti scherzi. Si decide quindi che i due piloti… si scambieranno l'auto! Al 27esimo giro, il poleman ha riconquistato il auto del compagno di squadra (che è in perfetta condizione) e si lancia quindi in una rimonta pazzesca, accumula più di un minuto dietro alla Maserati al comando.

Una bella mano d'aiuto

Con una vettura al di sopra delle altre, Stirling Moss è di gran lunga il più veloce in pista. Giro dopo giro, il nativo di Kensington recupera. Al 35° giro è già risalito in 6° posizione, il suo ritmo è infernale; è un secondo più veloce dei leader. Sfortunatamente, la vittoria sembra irraggiungibile su base regolare. Uno splendido scherzo del destino salverà poi Moss.

La frizione della vettura di Jean Behra si è guastata e il francese è stato costretto al ritiro. Mike Hawthorn ha quindi preso il comando, ma il pilota Ferrari investerà uno dei detriti della Maserati che forerà uno dei suoi pneumatici. Una strada maestra diventa disponibile proprio di fronte a Stirling Moss per gli ultimi 20 giri del Gran Premio. Il pilota della Vanwall gestirà con calma la fine della gara e si dirigerà verso la vittoria.

Vincitore anche Tony Brooks

Alla fine è stata proprio la vettura del suo compagno di squadra Tonny Brooks a tagliare per prima il traguardo. Nel 1957, più piloti potevano alternarsi al volante della stessa vettura e segnare punti, purché avessero percorso almeno un terzo della distanza prevista e questo è ciò che Brooks ottenne all'inizio del Gran Premio per aver completato 26 giri. nell'auto che ha vinto la gara. Quindi gli otto punti vittoria vengono poi divisi.

Luigi Musso, arrivato secondo, ha intascato sei punti, diventando così il pilota che ha segnato più punti durante il Gran Premio anche se non ha vinto la gara. Proprio come alla fine Max Verstappen, che, 67 anni dopo, lasciò Miami con più punti del vincitore. Tuttavia, le circostanze sono molto diverse…

LEGGI ANCHE >Una prima volta per Norris, ma anche per Sargeant: i 5 sorprendenti numeri del Gran Premio di Miami

0 Visualizza commenti)

Continua a leggere su questi argomenti:

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

0 Commenti)

Scrivi una recensione