L'Arabia Saudita presenta il suo nuovo circuito a Qiddiya, che ospiterà la F1 nel 2027

Le autorità saudite hanno presentato ufficialmente questo martedì i contorni del loro nuovo circuito permanente a Qiddiya, che potrebbe unirsi al calendario della Formula 1 nel 2027.

pubblicato 05/03/2024 à 12:33

Dorian Grangier

2 Visualizza commenti)

L'Arabia Saudita presenta il suo nuovo circuito a Qiddiya, che ospiterà la F1 nel 2027

© Qiddiyah Media

Tra pochi giorni, Jeddah ospiterà il F1 per il Gran Premio dell'Arabia Saudita. Presente nel calendario della disciplina dal 2021 – e prorogato fino al 2027 – il circuito della Corniche potrebbe presto coesistere con un altro circuito dell’Arabia Saudita: Qiddiya. Il progetto, annunciato nel 2020, sta iniziando a prendere slancio e questo martedì è stata raggiunta una nuova pietra miliare.

Nuovi dettagli sono stati rivelati dalle autorità saudite riguardo al futuro circuito di Qiddiya, una città che sta sorgendo dal suolo dal 2019 in mezzo al deserto per diventare uno dei principali centri di intrattenimento e gioco del Paese.

Progettato dall’ex pilota di F1 Alexander Wurz e dall’architetto Hermann Tilke, il futuro circuito di Qiddiya – denominato Qiddiya Speed ​​Park – sarà composto da 21 curve, inclusa una prima curva “firma”, soprannominata “The Blade”, che salirà a 70 metri di altezza, l'equivalente di 20 piani. In totale, i piloti dovranno sopportare quasi 108 metri di dislivello al giro. Questo tracciato mirerà a combinare gli elementi dei circuiti permanenti e dei circuiti urbani.

Il circuito affiancherà anche il "Falcon", che al momento della sua uscita diventerà una delle montagne russe più veloci e alte del mondo. La lunghezza totale del tracciato non è stata comunicata, ma potrebbe superare l'attuale circuito più lungo in calendario, vale a dire Spa-Francorchamps e il suo tracciato di 7,004 chilometri.

(Foto: Qiddiya Media)

Qiddiya con Jeddah nel calendario della F1?

Intorno al nuovo circuito saranno previsti diversi punti di vista, attrazioni, intrattenimento e attività. “Il Qiddiya Speed ​​Park sarà una vera incarnazione della filosofia 'Power to Play' di Qiddiya e posizionerà la città di Qiddiya come la sede dello sport motoristico saudita e uno dei principali impianti di sport motoristici al mondo., ha affermato Abdullah Aldawood, amministratore delegato di Qiddiya Investment Company. I visitatori e gli spettatori vivranno una delle esperienze di corsa più uniche al mondo, con una pista pioneristica che sarà pronta a ospitare alcuni dei più grandi eventi di sport motoristici del mondo. »

Quando il complesso di Qiddiya sarà completato intorno al 2027, L'Arabia Saudita vuole mantenere Jeddah nel calendario oltre a una seconda gara a Qiddiya. Il principe al-Faisal aveva detto nel 2023 che la F1 era l'evento sportivo più importante in Arabia Saudita e che erano stati fatti notevoli investimenti nel circuito di Jeddah, ma che non c'erano state discussioni con i detentori dei diritti commerciali, Liberty Media, sull'organizzazione di due gare.

LEGGI ANCHE > Ben Sulayem sotto inchiesta per "presunta interferenza" durante il GP di Arabia Saudita 2023

Dorian Grangier

Un giovane giornalista nostalgico degli sport motoristici di una volta. Cresciuto grazie alle gesta di Sébastien Loeb e Fernando Alonso.

2 Visualizza commenti)

Continua a leggere su questi argomenti:

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

2 Commenti)

Yves-Henri RANDIER

05/03/2024 alle 06:33

Per fornire un rilievo spettacolare sullo sfondo, alla fine degli anni 2000 è stato sviluppato un progetto dell'era del Supremo Bernie E. con un percorso completamente nuovo a Città del Capo (vicino all'aeroporto internazionale) ma anche e soprattutto l'emblematica Table Mountain in sullo sfondo così come l'Oceano Indiano e l'Oceano Atlantico senza nemmeno menzionare Città del Capo - La Città Madre del Sud Africa - un luogo molto più autentico e vibrante di una nuova città come Qiddiya emergente ex -nihilo con l'aiuto di miliardi di petrolio- dollari!

Yves-Henri RANDIER

05/03/2024 alle 06:12

Speriamo che Alexander WURZ ci abbia permesso di evitare l'ennesimo layout "Tilkesque"... da morire. Speriamo anche che la F1 non ci imponga 2 gare al maledetto MBS, il re dello sportwashing su larga scala... con lo sci freestyle a Riad sotto i 25° qualche giorno fa e magari le Olimpiadi Invernali Asiatiche 2029 in montagna a Trojena vicino al faraonico (e megalomane!) progetto Neom.

Scrivi una recensione