Trappole di ghiaia per porre fine ai problemi di limite della pista a Imola?

Il tracciato di Imola accoglie nuovi ghiaioni con l'obiettivo di ridurre il problema dei limiti della pista.

pubblicato 16/05/2024 à 14:51

Gonzalo Forbes

0 Visualizza commenti)

Trappole di ghiaia per porre fine ai problemi di limite della pista a Imola?

Qui, l'uscita della curva 15 con una nuova trappola di ghiaia sul lato destro. © Julien Delfosse/DPPI

Con la modernizzazione e il progresso di F1, anche i circuiti si sono evoluti. In passato la tradizione prevedeva che il percorso fosse delimitato principalmente da ghiaia o erba ed eventualmente da alcune zone asfaltate. Ma col passare degli anni, alla fine, quest’ultimo ha preso il sopravvento e questo ha aperto la porta al mancato rispetto dei limiti della pista.

Consapevoli che avrebbero potuto spingersi più al largo senza correre il rischio di uscire, i piloti non hanno esitato a sfruttare queste autorizzazioni. A volte un po' troppo, cosa che non piace a certi giocatori del paddock, spesso pronti a ricorrere alla radio per denunciare i propri compagni di torto. Anche questo non è piaciuto agli spettatori, principali consumatori di questo sport, desiderosi di un grande spettacolo in pista.

Imola reagisce

Di fronte a questa situazione, alcuni circuiti hanno deciso di prendere l’iniziativa. È il caso di Imola che questo fine settimana ospita la Formula 1. Per impedire agli automobilisti di sfruttare appieno gli spazi liberi, il percorso transalpino ha installato nuove trappole di ghiaia, o meglio allargato quelle vecchie.

Il primo cambio è alla curva Piratella, numero 9, nel secondo settore. Negli ultimi anni questa è stata una delle aree più monitorate, in particolare nelle qualifiche dove molti piloti hanno visto i propri tempi cancellati. Pertanto, lo spazio libero è stato notevolmente ridotto sul lato destro della pista dove la trappola di ghiaia è stata avvicinata.

Pochi metri più avanti è stata rielaborata la famosa sequenza delle Acque Minerali (curve 11, 12 e 13). Stesso scenario della Piratella con aumento della superficie della discarica per una riduzione della minore luce libera dall'asfalto.

Limiti della pista F1 di Imola

Il nuovo layout di Acque Minerali. ©François Flamand/DPPI

Infine, la chicane Gresini (curve 14 e 15) accoglie semplicemente i traghetti. Il primo davanti alla zona frenata per evitare possibili tagli permettendo ai piloti di avvantaggiarsi. Il secondo è a destra all'uscita. Questo è molto vicino e non permetterà ai piloti il ​​minimo errore che potrebbe essere molto costoso. Dopo Imola, altri circuiti potrebbero ispirarsi in futuro.

Imola

© Reddit/F1Fan2004

LEGGI ANCHE > Aston Martin segna il passo nel 2024: “Siamo dove ci aspettavamo”

Gonzalo Forbes

Responsabile delle formule promozionali (F2, F3, FRECA, F4...). Portato dalla grazia di Franco Colapinto.

0 Visualizza commenti)