Dal 4° posto nello Sprint all'ultimo posto in griglia, un sabato ricco di eventi per Ricciardo

Ai piedi del podio durante lo Sprint, Daniel Ricciardo ha conquistato la porta della Q1 pochi istanti dopo. Un colpo alla nuca che fece fatica a spiegare.

pubblicato 05/05/2024 à 10:57

Gonzalo Forbes

1 Visualizza commenti)

Dal 4° posto nello Sprint all'ultimo posto in griglia, un sabato ricco di eventi per Ricciardo

©Xavi Bonilla/DPPI

L'ascensore emotivo. Questo è ciò che ha vissuto Daniel Ricciardo durante questo sabato del Gran Premio di Miami. Tutto era iniziato benissimo per l'australiano, valoroso 4e della Sprint Race dopo aver resistito per tutto Carlos Sainz.

Abbiamo allora creduto che fosse definitivamente lanciato sulla via del riscatto, avendo ritrovato i suoi colori in Cina due settimane prima. Ma il F1 è un mondo crudele dove tutto accade molto velocemente e dove non perdoniamo nulla. La tua buona prestazione può essere rapidamente dimenticata, soprattutto quando passi dal primo al secondo posto in un batter d'occhio.

Ricciardo senza parole

Così, solo poche ore dopo il suo onorevole 4e posto nella Sprint Race, Daniel Ricciardo ha visto il cielo della Florida, anche se molto soleggiato, scurirsi sopra la sua testa. Se pensava di poter fare un'altra grande prestazione, Danny Ric alla fine non poteva sperare in nulla con un'eliminazione in Q1 e un triste 18° postoe tempo. A questo bisogna aggiungere la penalità di 3 posizioni in griglia che si trascina dalla Cina per aver sorpassato Nico Hulkenberg in regime di safety car. È quindi sicuro che sarà il fanalino di coda questa domenica (22:00).

« È una di quelle cose, sai... può cambiare così velocemente, confessato-ha sconfitto, non riuscendo a spiegare questo gap prestazionale in così poco tempo. Ho visto il trucco di Lando (Norris) nella SQ3 di venerdì, dove fin dall'inizio del giro abbiamo potuto vedere che scivolava ovunque da dietro con il [pneumatici] gare d'appalto, dove ovviamente aveva molti problemi, e onestamente la pensavo allo stesso modo.

Con l'ultima marcia ho iniziato a scivolare fin dalla prima curva. Poi ho avuto un piccolo momento caldo alla curva 7, sono andato largo e si è creata una brutta spirale. La cosa strana è che tutto è iniziato proprio all'inizio del turno, quindi è una di quelle cose in questo sport in cui sei risparmiato finché non è più così. Ci esamineremo, ma sembrava tutto a posto prima del giro, è solo una di quelle cose... Semplicemente non avevamo abbastanza grip sul secondo treno di gomme. Così semplice. "

Considerato il passo mostrato fin dall'inizio del weekend, almeno fino alle qualifiche, Daniel Ricciardo resta fiducioso di potersi rialzare. Magari non ai punti ma chissà…” Questa non è un'auto che rappresenta i 18 annie posto. » L'australiano comunque vuole crederci.

LEGGI ANCHE > Nuova Q2, miglior risultato dell'anno… Pierre Gasly sorride prima della gara di Miami

Gonzalo Forbes

Responsabile delle formule promozionali (F2, F3, FRECA, F4...). Portato dalla grazia di Franco Colapinto.

1 Visualizza commenti)

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

1 Commenti)

Yves-Henri RANDIER

05/05/2024 alle 01:46

Nel momento in cui Tsunoda fa un'altra Q3!! Che montagne russe per Honey Badger!

Scrivi una recensione