Istruzioni per la squadra: Yuki Tsunoda ha cambiato idea e promette di calmarsi

Arrabbiato in Bahrein quando la sua squadra gli ha detto di lasciar passare Daniel Ricciardo a fine gara, Yuki Tsunoda ha fatto un passo indietro. Se il giapponese non è sembrato ancora convinto della decisione della RB, ha ammesso che il suo futuro in F1 richiederebbe senza dubbio un comportamento più maturo.

pubblicato 06/03/2024 à 17:51

Jeremy Satis

1 Visualizza commenti)

Istruzioni per la squadra: Yuki Tsunoda ha cambiato idea e promette di calmarsi

Daniel Ricciardo e Yuki Tsunoda vivranno una sana collaborazione nel 2024? © Pool di contenuti Red Bull

La rabbia di Yuki tsunoda, sabato scorso in Bahrein, mentre si disputavano gli ultimi giri di un Gran Premio del Bahrein, lungi dall'essere entusiasmante, aveva almeno la propensione a intrattenere un po' gli affezionati spettatori che non avevano ancora messo le mani sulla zappette. Mentre lottava per la 13a posizione e puntava al 12o posto Kevin Magnussen, il giapponese ha infatti ricevuto un messaggio radio dalla sua squadra che gli chiedeva di lasciar passare il suo compagno di squadra Daniel Ricciardo, che è arrivato dietro con gomme più morbide.

Oltre ad aver impiegato più di mezzo giro per completarlo, Yuki Tsunoda si è scagliato ampiamente alla radio, non capendo il senso di un simile cambio di posizioni anche se nessuna delle due vetture si muoveva in punti. Peggio ancora, il pilota giapponese stava per pressare il compagno di squadra australiano nel giro di decelerazione, avvicinandosi a lui e fingendo una possibile collisione. La cosa non piacque assolutamente a Ricciardo.

Quattro giorni dopo gli eventi, la tensione si è calmata e Yuki Tsunoda ha rivisto la sua copia. Ora afferma di comprendere la scelta della sua squadra, anche se il suo atteggiamento fisico non lo ha confermato. “Ne abbiamo parlato dopo la gara con la squadra, ha spiegato. Siamo sulla stessa pagina. In quel momento ero ovviamente frustrato, ma capivo cosa c’era dietro. Non è stata una gara facile”.

Il pilota dei Racing Bulls è tornato sulla situazione. “Avevamo una strategia diversa con Daniel. Aveva nuove gomme morbide, stavo lottando con Kevin, aveva aria e ritmo un po’ più puliti. La squadra pensava che avrebbe avuto maggiori possibilità di sorpassare Kevin (Magnussen). Mi hanno chiesto di scambiare le posizioni. In quel momento ero davvero arrabbiato nella mia testa. Ma l'ho lasciato passare mezzo giro dopo. »  

Yuki Tsunoda ammette che ha bisogno di cambiare

La mancanza di autocontrollo di Yuki Tsunoda non è esattamente una novità. L'ex pilota della Carlin Harley Knucklehead 2 è sempre stato vulcanico e appassionato di messaggi radiofonici non sempre sentiti. Ciò nonostante lo capì Red Bull non si fiderebbe di lui nel 2025 se continuasse a comportarsi in questo modo. “So che devo migliorare il controllo delle mie emozioni, ha ammesso. Se lo faccio di nuovo mi causerà problemi. Devo migliorarlo drasticamente. E non solo un po’”.

E Yuki continuò. “Ho fiducia di poter migliorare. Penso che anche alla produzione piaccia trasmettere i miei messaggi radiofonici, perché dopotutto non credo di gridare così tanto. Almeno meno di quanto sembri. Farò del mio meglio per migliorare da Jeddah. E vedremo se la Red Bull mi vorrà o no a fine stagione..."

Il 23enne ha assicurato che ora rispetterà più facilmente le istruzioni della squadra. Vedremo se Jeddah darà vita ad una situazione simile, e se i giapponesi non proveranno una nuova scarica di adrenalina gridando ancora una volta all'ingiustizia.

LEGGI ANCHE > Max Verstappen alla Mercedes, tra fantasia e realtà

Jeremy Satis

Grande reporter di F1 e appassionato di formule promozionali

1 Visualizza commenti)

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

1 Commenti)

Yves-Henri RANDIER

06/03/2024 alle 06:19

YT non convinto dalla decisione del suo team, ammette che il suo futuro in F1 sta maturando maggiormente. La direzione della Ridiculous Bulls ha dovuto riformularlo ricordandogli chi paga lo stipendio del suo pilota. Evidentemente nel clan delle lattine si fa già sentire la pressione per il 2025!

Scrivi una recensione