Sono passati 5 anni... l'ultimo Gran Premio della Cina prima di una lunga pausa

Com'è stato l'ultimo Gran Premio di Formula 1 in Cina? 5 anni fa, sul circuito di Shanghai, si svolgeva il millesimo meeting della storia della F1000. Una gara così speciale, tanto storica quanto soporifera.

pubblicato 14/04/2024 à 13:04

Yannis Duval

0 Visualizza commenti)

Sono passati 5 anni... l'ultimo Gran Premio della Cina prima di una lunga pausa

Dominio incontrastato di Lewis Hamilton per il millesimo della storia. ©DPPI

L’ultima volta che la F1 è arrivata in Cina, nessuno sospettava che una pandemia ci avrebbe colpito meno di un anno dopo, nessuno sospettava che Fernando Alonso tornerei Harley Knucklehead 1, nessuno sospettava che due francesi avrebbero vinto un Gran Premio, e nessuno sospettava che sarebbe stata l'ultima volta che avremmo visto le monoposto di Formula 1 prendere d'assalto la pista di Shanghai per un bel po'. Era il 14 aprile 2019.

Il Regno di Mezzo torna in calendario in questa stagione, 5 anni dopo l'ultima visita al paddock. Com'è stato l'ultimo Gran Premio della Cina nel 2019? Che ricordo ne conserviamo? Diciamolo subito, il circuito internazionale di Shanghai non ci ha offerto uno spettacolo straordinario, né in pista né fuori.

La Formula 1 festeggia… ma non troppo

Questa gara non era come le altre, aveva un sapore diverso. Questo Gran Premio della Cina 2019 è stato il millesimo nella storia della Formula 1000. Non c'è dubbio, quindi, che in questa occasione fosse doveroso rimarcare l'occasione. Inizialmente, per questa data così speciale, la F1 avrebbe voluto recarsi a Monza, Monaco o Silverstone (sede del primo Gran Premio) per rendere questa cifra ancora più simbolica. Purtroppo ciò non è stato possibile a causa del programma che non è stato possibile modificare in tempo.

Quindi eccoci qui in Cina. E se oggi la gara è ancora storica è solo perché celebra il primo millennio della Formula 1 poiché lo spettacolo in pista non fu quello che ci si aspettava. Al di fuori della gara, la festa non ha entusiasmato i tifosi. I festeggiamenti si trasformarono in un gigantesco toccasana, c'erano monoposto storiche (e non), caschi, tute e altri oggetti da collezione. Ma lo spirito della Formula 1 non c'era, sentivamo che questa “mostra” sulla storia di questo magnifico sport fosse solo una raccolta di ricordi che avevamo a portata di mano. Se solo correre potesse rimediare a tutto questo...

Una partenza e basta

La griglia di partenza è piuttosto semplice: sulle prime 5 righe troviamo le prime cinque squadre, una per riga. Mercedes prima, con Valtteri Bottas in pole, seguito da Ferrari, di Red Bull, Con Pierre Gasly 6°, quindi Renault e infine entrambi Haas completa la top 10. La vittoria si decide al via, perché solo la Mercedes può ambirla (due doppiette nelle prime due gare, in Australia e Bahrein). Al suo primo impulso, il pilota finlandese ha pattinato e il suo compagno di squadra britannico ha preso il comando.

“Lewis è partito meglio del mio, spiegherà Valtteri Bottas a fine gara. C'era questa linea bianca abbastanza larga davanti al mio posto in griglia. Quando ho accelerato le ruote sono scivolate e ho perso qualche metro. La macchina andava bene e il mio ritmo era simile a quello di Lewis. Peccato perché lì mi sono perso (in partenza, ndr)! »

Partenza Cina 2019

Non appena decolla, Lewis Hamilton subentra Valtteri Bottas. ©DPPI

Ferrari in modalità autodistruzione al Gran Premio della Cina

In questa gara la Ferrari ha fatto semplicemente... Ferrari. Scelte strategiche e comunicazione che ricordano i momenti più bui della Scuderia. in movimento, Charles Leclerc, partito 4°, passa Sebastian Vettel, imbarazzato per la mancata partenza di Bottas. Al 10° e 11° giro la radio del monegasco si accende. Sul muro transalpino, il suo autista viene obbligato a lasciar passare il compagno di squadra, che alle sue spalle comincia a spazientirsi. Mentre lui è solo al suo terzo Gran Premio con la Ferrari, il campione F2 Il 2017 corre. Lerclerc però si lamenta e spiega “perdere un sacco di tempo” dietro Sebastian Vettel.

In agguato a questo imbroglio, troviamo Max Verstappen. L'olandese è il primo a fermarsi e, naturalmente, Sebastien Vettel si protegge subito transitando anche ai box, cosa che gli permette di mantenere la posizione. Per quanto riguarda Charles Leclerc, la Ferrari ha altri piani in mente: passare ad una strategia a una sosta, che è molto ottimista, per non dire traballante. Il degrado delle sue gomme era troppo grave, è dovuto rientrare una seconda volta e ha perso tutto il suo vantaggio. A fine gara il giovane pilota 21enne, 5° sotto la bandiera a scacchi, è apparso particolarmente seccato.

“Bisogna guardare lo scenario generale della gara. Dalla mia cabina di pilotaggio era un po’ difficile da capire. A volte non vediamo la stessa cosa in relazione al muretto dei box. Quando sei in macchina e ricevi questo tipo di messaggio, è sempre un po' frustrante. Ho accettato la situazione, ho obbedito e mi sono concentrato sulla gara. »

Ha(1000)tonnellata

Come simbolo, questo Gran Premio della Cina 2019 è stato in gran parte dominato dall'uomo che ha scritto una grande pagina nella storia della Formula 1. Lewis Hamilton, partito 2°, ha vinto tranquillamente senza troppi problemi davanti al compagno di squadra Valtteri Bottas. Il britannico è entrato ancora di più nel grande albo della F1, finendo sul gradino più alto del podio per la 75esima volta al millesimo Gran Premio. Alla fine, questo è tutto ciò che ricorderemo di questa gara. Quasi nessuna battaglia, ognuno al proprio ritmo. Pierre Gasly ha anche detto dopo la gara che aveva la sensazione di “Attraversare il Sahara” era così solo.

Quindi il Gran Premio della Cina 2019 non ci ha regalato un fine settimana straordinario, ma ciò non significa che la storia si ripeterà anche quest’anno. Nell’arco di 5 anni le monoposto sono cambiate drasticamente e con lui anche il mondo della Formula 1. Per la prima volta il circuito di Shanghai sarà un weekend sprint. In programma due gare con grande sgomento dei piloti...

LEGGI ANCHE > Alpine La F1 smentisce le voci e assicura “categoricamente” che non è in vendita

0 Visualizza commenti)

Continua a leggere su questi argomenti:

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

0 Commenti)

Scrivi una recensione