Andrea Stella e la McLaren puntano alla vittoria nel 2024

Dopo un inizio di stagione promettente, la McLaren è attualmente la terza forza in campo dietro Red Bull e Ferrari. Ma internamente pensiamo di poter raggiungere la Scuderia grazie allo sviluppo e, perché no, anche vincere delle gare quest’anno!

pubblicato 18/04/2024 à 13:28

Jeremy Satis

0 Visualizza commenti)

Andrea Stella e la McLaren puntano alla vittoria nel 2024

Lando Norris finalmente vittorioso nel 2024? ©Eric Alonso/DPPI

L'anno scorso, McLaren aveva avuto una stagione fantastica, dopo essere iniziata molto male. Dal Bahrein a Montreal, il team di Woking è riuscito a ribaltare la situazione nel 2023 grazie a un miglioramento estremamente efficace apportato in Austria e a Silverstone. Un nuovo pacchetto che ha permesso Lando Norris dipingere i podi (7), a Oscar Piastri per firmare la pole sprint e la vittoria nello sprint in Qatar, e per la McLaren risalire la gerarchia fino a finire 4a nel campionato Costruttori.

Quindi ovviamente l'obiettivo numero uno di Woking all'inizio della stagione 1 era innanzitutto quello di non restare indietro come nella stagione precedente, e da questo punto di vista è piuttosto riuscito. I due piloti McLaren sono sempre andati a punti nelle prime 2024 gare, Lando Norris (4°, Melbourne) è andato sul podio mentre Oscar Piastri (3°, Melbourne e Jeddah) non è andato lontano. Grazie ad una buona costanza, il team guidato da Zak Brown è attualmente 4° nella classifica Costruttori, con un distacco in più Mercedes et Aston Martin.

La McLaren può davvero vincere nel 2024?

Anche Andrea Stella, il team principal, ha preso atto del divario che li separa Red Bull certo, ma anche Ferrari. “Direi che la Ferrari, sicuramente, non è molto più avanti di noi, ha confidato l'italiano nel podcast F1 Nazione. Quindi penso che quest’anno sarà una battaglia per lo sviluppo perché queste vetture offrono molte prestazioni attraverso lo sviluppo. Direi che per noi è questo l'obiettivo principale. » A Miami dovrebbe arrivare un primo sviluppo, prima di altri due grandi miglioramenti previsti nel prosieguo della stagione. L'italiano, ex della Scuderia, sa anche che il suo ex datore di lavoro dovrebbe portare a Imola anche pezzi nuovi.

“La prima parte del messaggio che stiamo trasmettendo internamente è che è importante per noi consolidare la McLaren come la terza migliore squadra in questa fase della stagione, perché conferma la traiettoria che abbiamo iniziato dodici mesi fa. Ma noi ovviamente guardiamo al futuro e consideriamo che la Ferrari non è lontana, è sicuramente alla portata delle nostre capacità di sviluppo. Quindi siamo pienamente impegnati a fornire alla vettura prestazioni sufficienti per poter attaccare la Ferrari per il secondo posto. »

Dalla sua nomina a caposquadra, Andrea Stella non è mai mancata di ambizione. E sembra che sarà così anche quest’anno! “Se realizziamo lo stesso tipo di sviluppi che abbiamo fatto l’anno scorso, allora perché non pensare a vincere le gare di questa stagione? Non voglio sembrare arrogante, ma penso che questo sport sia una questione di numeri, di fatti, e questa è certamente la mentalità che hanno tutti alla McLaren. Lavoriamo duramente per raggiungere questo obiettivo. » 

Il pilota di punta Lando Norris ha elogiato l'eleganza del suo capo, ma ha in qualche modo smorzato l'entusiasmo dei sostenitori della papaya quando gli è stato chiesto se anche lui immaginava possibile la vittoria nel 2024. "Non presto, questo è sicuro." è scivolato. “Penso che possiamo vincere, ma nel posto giusto e al momento giusto. Se miglioriamo la macchina dove ne abbiamo bisogno. Siamo stati nello stesso posto (come in Giappone) per tutta la stagione (3a). Eravamo dietro Red Bull, Ferrari e leggermente davanti agli altri due team (Mercedes e Aston Martin).”

A lungo termine, tuttavia, Lando non si risparmia nulla. “Andrea ha ragione da questo punto di vista, se risulta che possiamo vincere, allora vinceremo. Ma questo è un grande "se". Dobbiamo lavorare duro in alcune di queste aree che hanno rappresentato per noi una sfida importante negli ultimi anni. Le curve a bassa velocità non sono a nostro vantaggio. Se riusciamo a risolvere la situazione, allora sono fiducioso che potremo fare delle belle gare”. La speranza ci mantiene in vita, soprattutto perché Lando Norris è ancora a caccia della sua prima vittoria in un Gran Premio!

LEGGI ANCHE > 24 Ore di Le Mans: il nuovo appeal del piede di Charles Leclerc

Jeremy Satis

Grande reporter di F1 e appassionato di formule promozionali

0 Visualizza commenti)