Shwartzman (AF Corse): “Avere la stessa mentalità e lo stesso approccio del Qatar”

A Imola, Robert Shwartzman ha parlato questo giovedì del suo debutto nel WEC in Qatar e della sfida che attende i piloti questa domenica sullo stretto tracciato transalpino.

pubblicato 18/04/2024 à 21:26

Valentino GLO

0 Visualizza commenti)

Shwartzman (AF Corse): “Avere la stessa mentalità e lo stesso approccio del Qatar”

Foto: Thomas Fenetre/DPPI

Robert, come giudichi la tua prima gara della stagione con AF Corse (4°)?

E' un ottimo inizio di stagione. Naturalmente per noi è tutto un po’ nuovo. Era la prima volta che lavoravo con queste persone e anche con gli altri piloti (Yifei Ye e Robert Kubica, ndr) in gara. Siamo riusciti a resistere alla pressione, a mostrare resilienza, perché abbiamo avuto problemi durante tutta la gara, anche all’inizio. Abbiamo fatto un ottimo lavoro. Questo dimostra il nostro buon stato d’animo e la nostra voglia di fare bene. Facciamo tutti del nostro meglio per svolgere il miglior lavoro possibile. Quindi sono molto felice che la gara sia andata in questo modo.

Cosa ti serve per migliorare personalmente e come squadra?

C'è sempre qualcosa da migliorare. Dobbiamo prima abituarci completamente l'uno all'altro in termini di comunicazione, strutturare correttamente il lavoro, non è necessario dire qualcosa che è già stato fatto. Questo è un processo normale ed è solo questione di tempo. Nel complesso, dobbiamo solo avere la stessa mentalità e lo stesso approccio del Qatar. Veniamo qui per fare il miglior lavoro possibile. Dato che le cose non vanno sempre per il verso giusto, l'obiettivo è sempre quello di massimizzare tutto ciò che abbiamo per guadagnare ogni piccolo punto possibile.

Pensi che un podio, o anche di più, sia possibile qui a Imola?

Possiamo fare molto bene. Non si tratta solo di fare un podio, perché da parte mia penso che possiamo fare ancora meglio. È una gara di resistenza, tutto può succedere. Ho fiducia nei miei compagni, nella mia squadra.

E' una gara che si preannuncia insidiosa con il traffico GT su un tracciato che ricorda i circuiti americani. Cosa ne pensi ?

Sarà un’esperienza interessante per me perché sarà la prima volta che mi troverò in questa posizione in cui guiderò una Hypercar contro le GT3 su un circuito stretto e dove dovrai fare molti sorpassi. Quindi sarà una vera sfida per me. Il modo giusto per farlo è non avere mai fretta. È meglio perdere mezzo secondo, ma non di più, che commettere un errore e penalizzare l'intera gara. Da parte mia, cercherò di stare attento tutto il tempo che sarò in macchina per fare una gara pulita.

LEGGI ANCHE > 6H di Imola – Quando il WEC si avventura su un circuito ad alto rischio

Valentino GLO

Giornalista. Reporter di endurance (WEC, IMSA, ELMS, ALMS) e talvolta F1 o IndyCar.

0 Visualizza commenti)

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

0 Commenti)

Scrivi una recensione