Pier Guidi sulla tripletta Ferrari nell'Hyperpole: “Non potevamo sperare di meglio”

Terzo nell'Hyperpole della 6H di Imola dietro ai compagni di squadra Antonio Fuoco e Robert Shwartzman, Alessandro Pier Guidi ripercorre la prestazione del gruppo Ferrari e guarda avanti alla gara.

pubblicato 20/04/2024 à 19:26

Valentino GLO

0 Visualizza commenti)

Pier Guidi sulla tripletta Ferrari nell'Hyperpole: “Non potevamo sperare di meglio”

Foto: Julien Delfosse/DPPI

La Ferrari difficilmente avrebbe potuto sognare una prestazione migliore di questa per iniziare il suo weekend in casa. Dominante fin dall'inizio dei test, l'azienda di Maranello ha centrato l'obiettivo firmando una brillante tripletta durante l'Hyperpole di questo sabato, conquistando i primi tre posti in griglia per la 6 Ore di Imola di questa domenica, la cui partenza sarà data alle 13:00.

Terzo ed ultimo rappresentante di rosso e giallo, Alessandro Pier Guidi è tornato su questa prestazione davanti al Tifosi e spera nello stesso successo al termine delle 6 ore, anche se si aspetta una gara altalenante.

Alessandro Pier Guidi (Ferrari AF Corse n°51), terzo nell'Hyperpole alla 6 Ore di Imola: « Questa è una grande qualificazione per la squadra. Antonio (Fuoco) ha fatto un ottimo giro. Ha fatto un ottimo lavoro. Abbiamo faticato un po’ con i tempi sul giro, anche durante le prove libere. Siamo migliori sui long run, sono fiducioso per domani. Il terzo posto è un buon punto di partenza.

Non potevamo sperare di meglio davanti al nostro pubblico. Spero che si divertano e cercheremo di essere nello stesso posto domani. Non abbiamo parlato di nulla (in termini di strategia, ndr). È molto difficile pianificare le cose. Per esperienza, ogni volta che pianifichiamo qualcosa, va storto. A volte è meglio non pianificare e provare. Naturalmente cercheremo di essere un po’ più attenti tra di noi per non farci prendere in giro.

Siamo competitivi, quindi preferisco una gara pulita. Sarà difficile con la gestione del traffico e le probabili neutralizzazioni. Ci aspettiamo molti Yellow Course o Safety Car. Quindi dobbiamo essere intelligenti e sfruttare tutto ciò a nostro vantaggio. »

LEGGI ANCHE > La pole di Antonio Fuoco, “un giro davvero speciale”

Valentino GLO

Giornalista. Reporter di endurance (WEC, IMSA, ELMS, ALMS) e talvolta F1 o IndyCar.

0 Visualizza commenti)