Julien Andlauer, maestro del Raidillon: “Bisogna avere un cuore forte! »

Pilota della Porsche Proton n. 99, Julien Andlauer ha dato spettacolo questa domenica durante la 6 Ore di Spa-Francorchamps, in particolare con diversi sorpassi al Raidillon!

pubblicato 12/05/2024 à 13:37

Michael Duforest

0 Visualizza commenti)

Julien Andlauer, maestro del Raidillon: “Bisogna avere un cuore forte! »

© DPP

Il francese, ad esempio, ha superato ilAlpine n°36 di Paul-Loup Chatin ai piedi del Raidillon, raggiungibile a quasi 270 km/h. Molto a suo agio in questa parte del circuito durante l'evento, Andlauer ci ha spiegato che questi bei sorpassi sono stati preparati in anticipo, affrontando particolarmente bene la prima curva del circuito, il tornante della Source.

“Siamo riusciti ad avere una buona frenata alla prima curva e ad avere una buona rotazione. Siamo riusciti anche a trasmettere bene la potenza a terra, quindi questi tre elementi insieme hanno fatto sì che uscissimo molto bene dalla Sorgente. Con un piccolo side draft [tecnica mirata a rallentare l'auto del tuo avversario avvicinandoti ad essa], puoi prendere il comando. È complicato quando le gomme sono davvero usurate. Nel secondo stint, quando siamo andati ruota a ruota nel Raidillon… ho avuto uno o due colpi di calore! Bisogna avere un cuore forte e anche le gomme, ho perso la macchina una o due volte al Raidillon. »

Leader dell'evento nelle prime ore di gara, l' Porsche Proton #99 alla fine è arrivato quinto, dopo la bandiera rossa. Se il risultato finale non è stato buono come previsto, il pilota francese sottolinea l'ottimo fine settimana ottenuto dalla sua truppa. Un buon auspicio per il 24 ore di Le Mans ?

“Per non parlare del risultato finale, è stato un weekend fantastico, il migliore di tutto l’anno finora. In termini di esecuzione, ogni sessione è stata perfetta, che si trattasse di prove libere, qualifiche o gara. Penso che non abbiamo commesso alcun errore, almeno in macchina, nessun errore nemmeno ai box, a parte questa porta che nella fretta ci ha fatto aumentare il battito cardiaco! », indica in riferimento al problema riscontrato durante il primo cambio pilota, all'inizio della gara. Neel Jani non è riuscito a chiudere la porta della Porsche 963 e la #99 è stata quasi costretta a rientrare ai box.

Una bandiera rossa inappropriata

La bandiera rossa seguita alla collisione tra la Cadillac n. 2 e la BMW n. 31 ha smorzato le speranze di Proton, che non aveva ancora fatto rifornimento. Le Porsche Jota e Penske, che hanno ottenuto la doppietta questo sabato, avevano già fatto rifornimento e hanno così potuto attuare la loro strategia a fine gara. Una conseguenza, secondo Andlauer, della gestione quasi perfetta di Proton in partenza.

“La strategia era perfetta, il ritmo era molto buono, anche il consumo di energia e l’usura delle gomme erano ottimi. L'esecuzione è stata molto buona, noi eravamo quasi troppo “bravi” perché stavamo cercando di aprire la finestra di ripresa più ampia. Ecco perché abbiamo spinto al massimo i nostri relè, e non è quello che hanno fatto Penske e Jota. Dovettero fermarsi presto e la bandiera rossa sorrise loro. La sfortuna ci impedisce di ottenere un risultato migliore, ma ottima esecuzione, ottimo lavoro tutta la settimana e una buona prestazione. Ci dà più motivazione e idee per esibirci a Le Mans. »

Infine, Andlauer ha parlato della collisione con Earl Bamber e la BMW #31. Il neozelandese ha tentato un sorpasso su Neel Jani, compagno di squadra del francese, sul rettilineo del Kemmel. Ha colpito la parte posteriore destra della Porsche, danneggiando il diffusore della Proton, che ha fatto perdere efficienza aerodinamica alla fine dell'evento.

“Ciò che sta accadendo a loro, alla BMW e a Bamber è un peccato. Fortunatamente sono usciti illesi dalle auto. La colpa deve essere di Earl, mi dispiace. Ha rovinato la loro gara e ha influenzato anche noi. Questo ci ha fatto perdere un terzo del diffusore, in corrispondenza del passaruota destro. Questo ci fa perdere un po’ di carico aerodinamico e di supporto aerodinamico e l’ho sentito un po’ a Pouhon e in curve del genere, e a Blanchimont. Era oltre il limite. »

Commenti raccolti da Valentin Glo, a Spa-Francorchamps

LEGGI ANCHE >Penalizzata la Cadillac numero 2 per la 24 Ore di Le Mans

0 Visualizza commenti)

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

0 Commenti)

Scrivi una recensione