52 anni fa, Jean-Pierre Beltoise ottenne una vittoria principesca sotto la pioggia di Monaco

Guidando il mitico giro monegasco dall'inizio alla fine, evolvendosi sotto i capricci del cielo, in mezzo ad un traffico tanto intenso quanto refrattario, Jean-Pierre Beltoise ha ottenuto la sua unica vittoria nel 1972 e si è dimostrato all'altezza del più grande, regalando alla BRM l’ultimo grande successo della sua storia.

pubblicato 14/05/2024 à 12:20

Francois Hurel

0 Visualizza commenti)

52 anni fa, Jean-Pierre Beltoise ottenne una vittoria principesca sotto la pioggia di Monaco

Per 80 giri, Jean-Pierre Beltoise ha evitato tutte le trappole al volante della sua BRM P160 © DPPI

Quando nell'ottobre del 1971, François Cevert vinse il GP degli Stati Uniti a Watkins Glen (vedi Ah n°2331), tredici anni dopo la vittoria di Maurice Trintignant a Monaco, molti tifosi provarono un sentimento di ingiustizia. Perché dalla metà degli anni Sessanta, il revival francese ha un altro volto: quello di Jean-Pierre Beltoise. Nel momento in cui il suo giovane cognato trionfava (Jean-Pierre aveva sposato Jacqueline Cevert), stava concludendo la stagione più disastrosa della sua carriera. Iniziato con la tragedia della 60 Km di Buenos Aires che costò la vita a Ignazio Giunti, seguito da varie polemiche e sospensioni di patente (vedi Ah n°1000), il suo 2293 non poté essere salvato dai risultati a causa di una Matra MS1971 con potenziale irregolare. Alla Matra, il suo ruolo numero 120 era ora occupato da Chris Amon. Deluso dal

Questo articolo è riservato agli abbonati.

Ti resta il 90% da scoprire.



Sei già abbonato?
Accedi


  • Articoli premium illimitati
  • La rivista digitale dalle 20:XNUMX ogni lunedì
  • Tutti i numeri di AUTOhebdo disponibili dal 2012
COUV-2433

0 Visualizza commenti)

Continua a leggere su questi argomenti:

Leggere anche

commenti

*Lo spazio riservato agli utenti registrati. Per favore connettere per poter rispondere o pubblicare un commento!

0 Commenti)

Scrivi una recensione